Notizie correlate


EDITORIALE > New banking
24/10/2002 -
Lo sviluppo degli EBPP frenato da barriere tecnologiche
di Marcello Berlich




Sebbene le banche spingano i servizi EBPP come mezzi di fidelizzazione della clientela, il 17% dei clienti di 30 grandi banche americane monitorate all’inizio di quest’anno da Gartner ha smesso di usare i servizi di pagamento online delle ricevute nel2001; un quarto di questi ha citato i problemi connessi ai pagamenti come motivazione della propria scelta, come riporta MSNBC, che sottolinea: ”un modo per evitare problemi è pagare le ricevute direttamente presso il sito del biller, se possibile, bypassando completamente qualsiasi third party provider.”


Le banche, che appartengono a quest’ultima categoria hanno contrastato tale suggerimento, dato che i clienti si troverebbero costretti a saltare da un sito all’altro per pagare ogni singola ricevuta.


“Alla fine”, ammette MSNBC, “le banche saranno capaci di mostrarti le ricevute online, e in questo modo il pagamento elettronico sarà direttamente connesso alla ricevuta, così come avviene nel mondo reale"”


Il problema a questo punto è che “i consumatori ricevono le bollette direttamente nella loro cassetta della posta, e poi tentano di pagarle online”, ma tale tentativo può fallire, se il beneficiario del pagamento cambia indirizzo, o se una bolletta elettronica incorre in una multa per mora, pur essendo stata pagata nei termini.


Celent ha scoperto, per esempio, che il 32% di tutti i pagamenti online non sono attualmente elettronici, ma consistono in un ordine alla banca di staccare e spedire un assegno per conto di un cliente, il che accresce i rischi di ritardo nei pagamenti.


Mentre Forrester prevede che nel 2002 17 milioni di famiglie americane avranno pagato le bollette online, con una crescita del 41% rispetto al 2001, questo dato rappresenta comunque solo un decimo della base di clientela potenziale, secondo MSNBC.


I clienti potrebbero tentare di evitare lo ‘smarrimento’ di pagamenti e-bill, installando un sistema di prelievo automatico dai conti delle proprie carte di credito, ma ciò non è l’ideale in alcuni pagamenti il controllo è ceduto, e i contenziosi sui pagamenti possono ulteriormente complicarsi se il biller ha già ricevuto i soldi.


Banche e billers dovrebbero fare di più per semplificare i pagamenti e-bill, ma Check Free dichiara di superare il problema verificando insieme ai biller sia i conti, che i dati dei trasferimenti.




MSNBC
extracted by Marcello Berlich