QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Mon24Sep200100:00
PROGETTO "BRAIN HEALTH CARE ON LINE" - CONGRESSO ROMA 26-27 SETT.
PROGETTO “BRAIN HEALTH CARE ON LINE”
(BCH- Section of the Society>)
PAOLO MANZELLI – Direttore LRE/EGO-CreaNET PROGETTO “BRAIN HEALTH CARE ON LINE”
(BCH- Section of the Society>)
PAOLO MANZELLI – Direttore LRE/EGO-CreaNET –Universita’ di Firenze
- Le reti telematiche organizzate come sistema nervoso
- La salute mentale come problematica sociale: le soluzioni offerte da Internet

Il Progetto di “e.learning on demand” , rappresenta una proposta delineata dal LRE-EGO-CreaNET della Universita’ di Firenze, nel quadro della necessita’ di modulare e sperimentare un sistema di educazione permanente, progressivamente organizzato sulla domanda di aggiornamento medico indotta da malato.

Il progetto “BRAIN HEALT CARE –ON LINE” , ( per la cura della salute mentale) e stato organizzato in termini di realizzazione di una “Universita’ Virtuale “, capace di dare sviluppo ad un sistema interattivo, che agisca tra i nuovi orientamenti della scienze neurologiche e psicologiche e la richiesta del pubblico volta ad affrontare la propria salute mentale e fisica in modo decisamente più consapevole rispetto al passato.

Recentemente l’ Organizzazione Mondiale della Sanita’ (OMS) ha posto il problema della necessita’ di dare vita ad una condivisione di conoscenze che correli gli sviluppi della scienze mediche ed il cittadino, ponendo in particolare l’accento sul fatto che la produzione e distribuzione di conoscenze avanzate nel campo della salute mentale, rappresenta oggi un crescente fattore dello sviluppo economico e della capacita’ competitiva della societa’ contemporanea. L’ OMS sottolinea che a questo scopo le tradizionali relazioni “medico-paziente” debbono affrontare un cambiamento culturale decisivo, nel quale si ponga attenzione al fatto che la "Salute è uno stato di benessere complessivo, fisico, psichico e sociale e non la semplice assenza di malattia o infermità". In questo contesto concettuale, il medico non e’ solo e soltanto il “guaritore”, nel mentre il malato e’ piu’ un soggetto culturalmente passivo nei riguardi del processo di cura. L’ attuazione di quanto sopra e’ resa passibile dal fatto che l’interattivita’ del sistema telematico permette di ritornare alla concettualita` delle relazioni “medico – paziente “ espresse dalla piu’ antica medicina, che oggi divengono nuovamente fondamentali nel riequilibrare le relazioni tra medicina e malattia.

“Ippocrate di Kos”, disse che la medicina non consiste tanto nella capacità di guarire una malattia, ma piuttosto in quella di accompagnare il malato lungo il possibile processo di guarigione, processo che è il malato stesso a guidare, proprio in quanto gran parte di cio’ che i medici sanno lo hanno appreso dalla valutazione delle sintomatologie e quindi dalla interrogazione dei loro malati. Da cio’ consegue che quanto piu’ e’ elevato il grado di coscienza del malato, quanto e’ piu’ facile orientarlo nel possibile processo di guarigione.

L’ organizzazione moderna di un sistema di “educazione permanente su domanda” comporta quindi il ritorno a tali origini delle relazioni tra medico e paziente, mediante la organizzazione di una rete tra centri di ricerca Universitari, medici di base e pazienti , organizzata in rete Internet ed articolata in modo che possa permettere una estesa condivisione di conoscenze con modalita’ interattive.

A questo scopo un sistema continuo di formazione “BCH-BLUeS”, verra’ strutturato per attuare una costante ricerca finalizzata ad utilizzare terapie coerenti con le piu’ moderne acquisizioni scientifiche del settore della neuro-scienze e della innovazione farmacologica , in modo da fornire la risposta piu’ adeguata a questa rinnovata attitudine cognitiva, tale che corrisponda alla necessita’ contemporanea di "saperne di più" da parte dei cittadini sulla propria salute fisica e mentale.

Abbiamo denominato la struttura telematica. di tale progettazione, in vero complessa quanto l’ organizzazione del sistema nervoso cerebrale, BUSINESS LABOUR UNIVERSITY for electronic SOCIETY ( in sigla .BLU.eS) , proprio in quanto un cosi’ ampio sistema telematico interattivo di condivisione di conoscenze, comporta innanzi tutto la specializzazione di nuove professionalita’ capaci di gestire la interfaccia telematica tra medico e malato , al fine di sviluppare una editoria elettronica di divulgazione e diffusione della innovazione delle conoscenze mediche.

Il progetto BLU.eS - VIRTUAL UNIVERSITY lo stiamo attualmente sviluppando con la collaborazione di vari partners nell’ ambito di un esteso progetto EUROPEO.

Quello che e’ essenziale comprendere in questa occasione di incontro sul tema : PROSPETTIVE dell`UTILIZZO di INTERNET in SANITA`, e’ che con la applicazione del suddetto progetto di “e.Learning on demand”, non si tratta di distribuire il sapere come aggiornamento medico a distanza, ma di rendere reversibilmente interattiva la domanda e l’ offerta di conoscenze, proprio partendo dal significato etimologico di “domanda” (dal latino “Manum Dare”, che significa letteralmente : “dare una mano”) , per generare una utilizzazione della interattivita’ di Internet nel campo specifico della salute fisica e mentale, la quale possa superare i disagi emergenti dalla arretratezza cognitiva, che determinano un dannoso “gap, del tipo, digital-divide”, tra i sempre piu’ rapidi avanzamenti della scienza e della informazione scientifica e la gestione tradizionale della salute pubblica.

Quanto sopra creerà’ al contempo sistema economico piu` adeguato il cui scopo e’ quello di espandere un sistema di assistenza domiciliare,
capace di essere complementare alla tradizionale isita medica ed ad una predominante pratica ospedaliera , cosi’ da rispondere in moli casi, sia all’ urgenza di informazione medica immediata proveniente dal sociale, che a migliorare il tipo di assistenza fuori dalla sua localizzazione in una struttura sanitaria, offrendo prontamente servizi ed informazioni di telemedicina in condizioni di degenza attuabile a casa, dato che quest’ ultima comporta indubbi vantaggi, non solo per il paziente, il quale si trova in un luogo familiare spesso in grado di
offrirgli la migliore contesto di qualita’ di vita , ma evidentemente anche per l’amministrazione sanitaria, proprio in quanto vengono ad essere piu’ contenuti i costi rispetto all’ospedalizzazione.

In conclusione il progetto sulla salute mentale on line ( BCH-BLU.eS) rappresenta una sezione di una progettazione telematica della Universita’ Virtuale, che favorira’ sotto vari aspetti un cambiamento radicale delle concezioni e delle consuetudini delle relazioni tra medico e paziente, le quali oggi si sviluppano in un quadro socio economico scientificamente e tecnologicamente piu’ evoluto, in cui la produzione e la distribuzione interattiva del sapere, tende ad acquisire una crescente importanza quale fattore fondamentale della
qualita` dello sviluppo economico e sociale contemporaneo.
Fonte: CS Unifi
http://www.systech.it
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.