QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Tue22Jun200409:00
Non è più necessario il passaporto per entrare nella Cipro Turca (nord)
I cittadini europei, compresi i ciprioti grechi, potranno usare solo la carta d'identità per accedere alla Cipro turca

Le autorità cipriote turche hanno facilitato le condizioni di entrata per i cittadini europei, compresi i ciprioti greci. Invece del passaporto, i cittadini dei 25 stati dell'UE potranno esibire solo la carta d'identità per passare alla parte turca dell'isola.

La decisione fa parte di un pacchetto di misure recentemente adottate per migliorare l'economia, e soprattutto il settore turistico.

"Abbiamo raggiunto un nuovo stadio nei valichi di frontiera," ha detto il ministro degli esteri turco-cipriota Serdar Denktash. "Questo è un nuovo passo per rendere i contatti tra ciprioti greci e turchi più normali."

L'anno scorso, i turco-ciprioti hanno parzialmente abolito un divieto di viaggio imposto nel 1974, quando le truppe turche occuparono un terzo dell'isola in risposta ad un colpo di stato dei greco-ciprioti sostenuto da Atene ed avente lo scopo di unire Cipro alla Grecia.

Il nuovo programma di entrata ha efficacia da meno diun mese dopo il doppio referendum del 24 aprile sull'unificazione dell'isola, che i greco-ciprioti hanno rigettato. Sebbene la maggioranza dei turco-ciprioti abbia votato in favore, solo la parte greca dell'isola è entrata nell'Unione il 1 maggio.

Il fallimento dei referendum ha deluso la comunità internazionale. Sia l'UE che gli USA hanno segnalato la loro disponibilità a sollevare il nord turco-cipriota dall'isolamento economico, come compenso per il suo supporto al piano di riunificazione.

L'UE ha annunciato una serie di misure per migliorare i rapporti con la parte turca dell'isola, senza far riferimento al problema del riconoscimento. Solo la Turchia riconosce la repubblica turco-cipriota separata.

Il presidente turco-cipriota Rauf Denktash, che ha sostenuto la campagna per il "no" nei referendum, ha insistito che il riconoscimento deve precedere qualsiasi altro colloquio di riunificazione. Denktash ha anche detto che non si candiderà alla presidenza nelle prossime elezioni. Nel caso che i trattati di pace di Cipro riprendessero, il governo sarebbe il solo a rappresentare i ciprioti turchi al tavolo dei negoziati, ha dichiarato.

Nel frattempo, il Dipartimento di Stato Americano ha detto che ora considera primo ministro turco-cipriota Mehmet Ali Talat, e non Denktash.

Secondo il quotidiano greco Kathimerini, Washington ha deciso di fornire 50 milioni di dollari di assistenza economica ai turco-ciprioti e di adottare misure per favorire le relazioni commerciali con il nord dell'isola e per far avanzare il settore turistico.

AFP



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it