QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Mon12May201410:48
L'Euroregione 'Senza confini' si allarga a quattro partner
Nasce ''da lontano'' la volontà di adesione della Regione Istriana al GECT ''Senza Confini'' che Veneto, Friuli Venezia Giulia e Carinzia hanno costituito nel novembre di due anni fa. Come oggi a Parenzo ha infatti ricordato il presidente della Regione Istriana Valter Flego, nell'incontro che ha avviato la procedura di adesione della Contea croata al GECT, l'Istria ha sempre guardato con attenzione alla cooperazione interregionale transfrontaliera. Già vent'anni fa l'Istria aderiva al Comitato delle Regioni di Bruxelles e nel 2005 ''entrava'' in quella vera Casa delle Regioni, come oggi ha sostenuto il governatore della Carinzia Peter Kaiser, che è divenuta negli anni la sede di Bruxelles del Friuli Venezia Giulia ma allo stesso tempo anche delle stesse Carinzia ed Istria, nonchè del Cantone di Sarajevo. ''Ora l'ingresso della Croazia nella Ue - ha rilevato Flego - offre all'Istria la possibilità di aderire a 'Senza Confini', di collaborare attraverso confini che non sono più barriere, di proseguire una storia comune che oggi offre sempre più chance di sviluppo''.

Si imposta ''un lavoro comune a vantaggio di tutte le nostre comunità, sfruttando con efficacia i programmi dell'Unione europea'', hanno detto Kaiser e la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, mentre per il presidente del Veneto Luca Zaia si concretizza un'Euroregione che ha lo stesso mare e la stessa storia. Per Zaia, attuale presidente di ''Senza Confini'' (la cui sede è stata fissata a Trieste, affidata al direttore generale Dieter Platzer, carinziano), al di là dei necessari passaggi giuridici per la completa adesione del nuovo partner al GECT, l'Istria può da oggi già ritenersi membro attivo di ''Senza Confini''.

All'odierno incontro hanno anche partecipato gli ambasciatori d'Italia e di Austria a Zagabria, Emanuela D'Alessandro ed Andrea Ikic-Bohm, il ministro croato del Turismo Darko Lorencin, il console generale d'Italia a Fiume Renato Cianfarani, il sindaco di Parenzo Edi Stifanic, Ivan Jakovcic, presidente del Comitato per la Cooperazione internazionale della Regione Istriana, e, per il Comitato delle Regioni, Alfonso Alcolea, il quale ha ricordato come a febbraio 2014 risultavano già attivi in Europa 46 Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (GECT).

fonte: Regione FVG



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it