QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Fri19Oct201215:00
Macedonia: Report della Commissione Europea
E´arrivata nei giorni scorsi la consueta ´sventagliata´ di report della Commissione Ue riguardanti lo stato di avanzamento dei Paesi che puntano ad entrare nell´Unione: tra questi, quello riguardante la Macedonia.
La Commissione Europea afferma che la Macedonia ha assolto in maniera soddisfacente agli impegni assunti nell´ambito del processo d´integrazione; come già avvenuto in passato, la Commissione ha raccomandato l´avvio dei negoziati di ammissione, pur essendo risaputo che questi non potranno prendere il via se non verrà prima risolto il contenzioso in corso da ormai quasi vent´anni con la Grecia per l´utilizzo del termine ´Macedonia´: Atene ha più volte posto il veto in sede internazionale (UE e NATO) all´avanzamento dei processi di partecipazione della Macedonia alle grandi istituzioni internazionali, proprio per la mancata risoluzione della disputa.

Nel suo report, la Commissione ha osservato come l´avvio delle procedure del Dialogo ad Alto Livello con la Macedonia abbia dato un impulso decisivo all´adozione delle riforme necessarie al raggiungimento degli standard UE in vari settori, come la legge elettorale o la libertà di espressione, ad esempio con la depenalizzazione del reato di diffamazione; giudizio positivo anche sul dialogo interetnico.  La Commissione raccomandata di approfittare del clima propizio alle riforme per poter risolvere le questioni ancora aperte, ancora legate alla legalità e alla liberà di espressione, favorendo la partecipazione della società civile.

Sotto il profilo economico, la Macedonia ha compiuto passi in avanti sotto il profilo dell´economia di mercato: è necessario semplificare le procedure di registrazione delle imprese, accelerare le procedure giudiziarie, migliorare il settore dell´intermediazione finanziaria e accrescere il livello di legalità del settore economico e finanziario.
La disoccupazione resta però il grave problema ancora lontano dalla soluzione, soprattutto per quanto concerne i giovani e le persone poco istruite. Il debito pubblico rimane alto, la qualità della Governance fiscale ancora molto bassa e focalizzata su misure a breve termine con scarsa capacita di progettazione. Le agenzie di regolamentazione e supervisione contano spesso sul mezzi troppo limitati per poter svolgere efficacemente i propri compiti; necessario migliorare anche la competenza e l´efficienza della pubblica amministrazione, con particolare riferimento ai servizi alle imprese.


Marcello Berlich



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it