QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sat22May200400:15
Websense Enterprise per fermare la pornografia online
Websense Inc., il principale fornitore mondiale di software EIM (Employee Internet Management), ha annunciato che il numero di siti web pornografici nel database Websense® è più di 17 volte maggiore di soli quattro anni fa. Questa drammatica crescita è stata accentuata da nuove tecnologie, come le connessioni internet ad alta velocità, ma anche da tattiche innovative usate dai siti pornografici per attrarre e mantenere i visitatori connessi. Con un accesso illimitato e una connessione ad alta velocità, gli impiegati - volenti o nolenti possono essere facilmente attratti verso siti a luci rosse.

La Nielsen/NetRatings ha calcolato che negli Stati Uniti 34 milioni di persone hanno visitato siti porno in agosto 2003, uno su quattro navigatori internet. Secondo ComScore Networks, il 37 per cento degli impiegati con possibilità di navigazionie Internet negli Stati Uniti, hanno visitato un sito a luci rosse durante l'orario di lavoro.

Websense Enterprise®, il maggiore software per filtrare il web, ora è disponibile per quelle compagnie che vogliono bloccare l'intrusione della pornografia nei loro sistemi aziendali. Lavorando in sintonia con il database di Websense che contiene più di 6,2 milioni di siti, Websense Enterprise rende possibile istituire politiche adatte per gestire efficacemente l'uso di internet da parte degli impiegati, senza andare contro la cultura aziendale della ditta.

Ad esempio, la flessibilità di Websense Enterprise dà ai manager IT la capacità di bloccare l'accesso a categorie internet dubbie, come i materiali pornografici, siti per adulti e materiale discutibile e allo stesso tempo rende possibile regolare i livelli di accesso a siti non-lavorativi (come siti di shopping, sport e notizie) su base temporale, per un certo numero di minuti, o prima o dopo le ore lavorative.

Anche gli impiegati che non hanno alcun desiderio di visitare siti pornografici possono farlo non intenzionalmente, perchè le aziende pornografiche acquistano domini scaduti per siti che sembrano innocenti, e li usano per ridirezionare i navigatori a loro insaputa, verso i loro siti a luci rosse.

Questa tattica ha mietuto vittime anche nel governo olandese e nell'Orchestra Filarmonica di Boston. I fornitori pornografici hanno anche infestato siti legittimi e li hanno ri-popolari con contenuto per adulti. Nel febbraio 2004, il sito di una campagna elettorale di New York è stato infestato da un fornitore porno di nome “Bob,” ed invece della pagina del candidato, gli elettori vedevano “una guida per trovare i migliori siti porno del mondo.”

Secondo il National Research Council, un'altra tattica, conosciuta come “mousetrapping”, viene usata dalle aziende pornografiche per ri-direzionare automaticamente i navigatori verso un altro sito quando cercano di abbandonare un sito per adulti. Questo ri-direzionamento si può ripetere decine di volte, e di solito costringe l'utente a chiudere il browser o ri-avviare il computer, il che spesso porta ad un aumento delle lamentele sugli impiegati.

Per poter filtrare protocolli come P2P file sharing, streaming media, instant messaging ed altro traffico non in linea, Websense ha identificato e categorizzato più di 225.000 file eseguibili nel suo database, rendendo possibile la gestione di applicazioni non autorizzate o dannose sul desktop, anche se disconnesso.

Nuove minacce come i virus si espandono attraverso reti di scambio di file o allegati infetti spediti via instant messaging. Sono meno visibili della pornografia online ed eludono completamente le barriere di sicurezza ordinarie e possono rendere le aziende vittime degli hacker. Mentre crescono queste minacce, Websense aiuta le aziende a mitigare i rischi di sicurezza e a migliorare la produttività degli impiegati. 

CONTATTI

Jennifer Culter
Manager, Public Relations
Websense, Inc.
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.www.websense.com