QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sat20Dec200300:10
La fine del giocatore solitario
“Se la vostra idea di appassionato di videogiochi è quella di un ragazzo rinchiuso nella propria camera da letto alle prese con la sua console, è ora che rivediate le vostre convinzioni”, si legge sulle news high-tech della Stampa.

“Secondo una ricerca commissionata da Xbox Live a Dynamic Markets, infatti, i giocatori sono sempre più socievoli, sportivi e persino seducenti. Circa metà di loro preferisce giocare insieme con gli amici - sul divano con qualche birra, oppure online, sfidando coetanei di altri paesi. E quando non si trovano sul campo di gara digitale, sono impegnati in qualche sport vero. Se tutto questo vi sembra troppo perfetto, sappiate che la ‘Game Generation' trascorre ancora buona parte del tempo nei locali e nei bar. Anche gli affari di cuore trovano spazio nella vita di un video giocatore: sempre più esponenti del gentil sesso dichiarano infatti di aver visto nascere nuove storie d'amore giocando con la console di Microsoft”.

"I videogiochi sono diventati parte integrante della cultura del tempo libero cessando di essere un'attività circoscritta”, ha dichiarato David Good, Professore della Cambridge University. “Sempre più spesso i giochi sono considerati come un'opportunità di socializzazione per trascorrere un po' di tempo con gli amici. Ciò significa che la nuova generazione di videogiocatori considera il gioco un'estensione di tutto quello che viene normalmente fatto per divertirsi, come frequentare locali e discoteche ma anche palestre e centri sportivi. Di questa generazione fanno parte sia i trentenni cresciuti nelle sale giochi che i teenager che non ricordano un mondo senza posta elettronica o Sms. È dunque ovvio che i giochi sono diventati uno spazio per l'interazione sociale”.

Ma ancora più interessante è notare come anche nel gioco su Internet le diverse popolazioni esprimano i loro diversi caratteri. E così gli italiani si confermano romantici e seduttori anche nel “gaming online”, che, come ribadisce la Reuters, è “l'ultima frontiera per gli appassionati di videogiochi, che consente di giocare e stringere amicizia con sfidanti in ogni parte del mondo”. Dal sondaggio realizzato da Dynamic Markets per conto di Xbox Live, risulta che il 17% dei giocatori italiani ha stretto un'amicizia molto intensa o una relazione sentimentale online. I più “freddi” sono invece olandesi e francesi. I belgi sono i più discreti, preferendo non sbottonarsi sulle relazioni nate tra una partita e l'altra. Gli spagnoli preferiscono l'amicizia e sono i più socievoli. Aperti all'amicizia anche britannici e tedeschi.

La ricerca della Microsoft è stata condotta a livello europeo durante il mese di settembre 2003 intervistando persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni di otto paesi diversi. E' riservato invece ai bambini il sito chat15.it, la prima chat in Italia per piccoli navigatori, che, riferisce ancora la Stampa, “sarà costantemente monitorata dai nonni aiutati dai volontari dell'Associazione Davide Onlus, presieduta da don Ilario Rolle, da sempre impegnato nella tutela dei minori che navigano in Rete”.

www.bernabe.it - by Patrizia Licata



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it