QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Wed26Nov200311:00
3.4.2 Costi-benefici per gli intermediari finanziari
Anche le banche, come già visto per gli utenti, per sfruttare le potenzialità di Internet, devono sostenere costi di investimento iniziale e, quindi, di gestione, che possono variare nell’ammontare a seconda che il progetto di internet banking venga realizzato internamente o si ricorra a soluzioni di outsourcing. Nel primo caso avremo considerevoli costi iniziali di consulenza tecnica specializzata, di investimento tecnologicoe formativo, (per preparare il personale informatico a gestire il nuovo canale), di sviluppo del sistema di qualità dei processi produttivi; nello stesso tempo si devono considerare i costi di gestione, cioè quelli dell’infrastruttura esterna di comunicazione (la linea fornita dal gestore di telecomunicazioni), dell’abbonamento di connessione, della manutenzione correttiva ed evolutiva dell’hardware e del software e dell’aggiornamento del sito.

Nel caso di outsourcing i costi tecnologici, di organizzazione e di manutenzione tecnica ed evolutiva del sistema di internet banking gravano sul fornitore di tecnologia; per la banca subentrano i costi commerciali per l’acquisizione della commessa, che sono all’incirca equivalenti a quelli di sviluppo interno, c’è invece un risparmio nelle voci relative alla formazione ed acquisizione di nuovo personale informatico, alla consulenza specializzata in analisi e realizzazione, ed alla qualità.

A fronte di investimenti ingenti, soprattutto in caso di sviluppo interno del sistema di operatività on-line, si hanno ritorni economici altrettanto elevati, poiché è possibile rivendere il sistema con ricavi relativi al prezzo dello stesso (o licenza d’uso), al canone dei servizi di outsourcing e manutenzione e al prezzo della formazione al cliente sui prodotti.

Allo stesso tempo si ottengono benefici solo parzialmente monetizzabili che riguardano soprattutto l’acquisizione di attività correlate all’internet banking (la banca, abbiamo visto, diventa fornitore di tecnologia e formazione e può sviluppare sistemi di gestione di intranet di istituti finanziari), al consolidamento del patrimonio applicativo e delle competenze funzionali e tecnologiche del personale.

Il tutto genera un indiscusso miglioramento dell’immagine dell’azienda con l’acquisizione di nuovi clienti e l’aumento della competitività rispetto ai concorrenti.
Indubbiamente internet offre interessanti opportunità e le banche non hanno tardato ad accorgersene anche in Italia e, in poco tempo, si è assistito alla loro moltiplicazione e specializzazione on-line.tratto dalla tesi della dott.ssa Alessia ALBERTI
WWW.BANCHE.IT
IL MARKETING DEGLI ISTITUTI DI CREDITO ON-LINE
Università degli studi di Macerata - Interfacoltà
Corso di laurea in Scienze della Comunicazione - Tesi in Marketing
Macerata, 2003



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it