QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Fri22Aug200311:00
4.5.1.1. Portali verticali e aggregatori di contenuto (1995 - 1996)
Come nel CE B2C, la figura del portale, o in generale dell’aggregatore di contenuti informativi, ha facilitato l’ingresso del B2B nella rete. La finalità di questi operatori on-line è stata inizialmente quella di fornire informazioni di carattere industriale e commerciale su un gran numero di aziende in modo da facilitare il contatto e lo scambio tra le imprese; furono esempi di questa categoria società come Hoover’s, MarketGuide.com, Reuters.com, ecc. Accanto agli aggregatori si sono sviluppate comunità di interesse che hanno costituito in ambito on-line un riferimento per i differenti settori merceologici nella loro comparsa sul web; tra i numerosi soggetti che appartengono a questa categoria vi erano CMP.net (attiva nel settore dell’Information Technology) e Water Online (che copre 46 settori industriali legati al trattamento dell’acqua).

Questi modelli vedono provenire i loro ricavi essenzialmente da annunci pubblicitari e tariffe di adesione, rimanendo pressoché svincolati dal cuore del processo costituito dalla transazione vera e propria.

tratto dalla tesi di laurea di Alma Laratro, dal titolo
LA COMUNICAZIONE ESTERNA NEL WEB BANKING
2003 - Università di Roma Tre

Puoi vedere l'indice completo, cliccando qui.

tesi di laurea della dott.ssa Alma Laratro