QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Fri13Jun200313:00
4.3 Il re-engineering di un sistema informativo: il downsizing
Oltre allo strumento dell’outsourcing, le aziende di credito hanno altre possibilità di rivedere la propria struttura per contenere i costi del S.I. ed incrementare l’elasticità nella gestione aziendale.

Questi obiettivi vengono conseguiti anche attraverso il ridisegno del sistema informativo prevedendo la decentralizzazione dell’attività elaborativa dal centro (mainframe) alla periferia (sistemi dipartimentali, PC) .

La gestione centralizzata ha comportato l’utilizzo di elaboratori potentissimi. Le unità periferiche erano collegate all’elaboratore centrale tramite terminali amorfi oppure da modesti PC dotati di un programma di emulazione terminale. L’utilizzo del PC come emulatore terminale mortificava le poche caratteristiche positive del PC. Oggi il progresso tecnologico nella costruzione dei personal computer è molto più elevato rispetto al progresso dei sistemi mainframe. Inoltre il costo del P.C. tende giornalmente a diminuire pur fornendo prestazioni sempre più elevate. A questo punto a livello periferico si riesce ad ottenere una capacità di calcolo e di memorizzazione inimmaginabile fino a pochi anni fa. Le banche hanno recepito questa opportunità fornita dall’evoluzione delle tecnologie e la stanno utilizzando per ridisegnare l’architettura dei propri S.I. . Decentrare l’attività elaborativa permette, in alcuni casi, di ridurre i costi ma consente anche di migliorare le prestazioni dell’intero sistema con conseguenti ripercussioni sulle lavorazioni eseguite e/o a favore della clientela. Infatti, per quanto si voglia razionalizzare l’attività elaborativa con appositi schedulatori, il sistema centralizzato presenta comunque colli di bottiglia che creano ostacoli alla regolare esecuzione delle lavorazioni.

Ad esempio, gli uffici di lavorazione assegni (negoziati e/o tratti) utilizzano sistemi dipartimentali che, a chiusura dello sportello al pubblico ma prima dell’avvio delle fasi di elaborazione batch, richiedono al mainframe di fornire tutti i dati legati agli assegni negoziati nella giornata. Infatti mentre gli operatori di sportello sono impegnati nelle attività di chiusura dello sportello il mainframe risulta libero e può essere dedicato ad anticipare la trasmissione dei dati al sistema dipartimentale. La successiva elaborazione decentrata elimina una rigidità e permette di dedicare la massima potenza elaborativa al batch. La lavorazione sul sistema dipartimentale permette di procedere alla lavorazione della materialità degli assegni grazie al flusso guida creato dallo sportello. Ciò facilita la marcatura degli assegni, il raggruppamento degli assegni per banca destinataria e la rendicontazione dei dati da inviare in rete per il scambio presso le stanze di compensazione. Le fasi batch del mainframe e le lavorazioni assegni possono procedere parallelamente senza ostacolarsi. Le risultanze delle lavorazioni assegni verranno automaticamente richiamate dal mainframe quando verrà terminata l’elaborazione batch.

Un ulteriore esempio di decentralizzazione è dato dall’avvento reti locali costituite da PC particolarmente potenti chiamati server e da PC normali chiamati client. I server sono preposti alla gestione della rete e, quindi, al colloquio con il mainframe per conto di tutti i client e alla gestione degli archivi locali. Questo esempio di downsizing permette di gestire localmente degli archivi essenziali quali l’anagrafica, i saldi dei rapporti, immagini elettroniche quali specimen di firma ecc. . Inoltre premette di gestire l’eventualità che venga interrotto il collegamento con l’elaboratore centrale consentendo comunque un’operatività ridotta ma che non paralizza l’operatività delle filiali.

Il ridisegno del sistema informativo secondo i due esempi citati mette in evidenza che occorre ridisegnare anche la struttura organizzativa e modificare le procedure. La struttura organizzativa deve essere modificata per gestire i PC dislocati in periferia , compensando la diminuzione di personale a livello centrale. Si deve garantire l’acquisizione delle regolari licenze per l’utilizzo dei sistemi operativi e dei pacchetti applicativi ecc.

Il downsizing consente un’operatività diversa dal passato. Ad esempio, la possibilità di operare senza collegamento con il mainframe (off-line) necessita della modifica degli iter operativi con conseguente descrizione del comportamento che devono assumere gli operatori per evitare pregiudizi all’azienda.

Il downsizing non necessariamente porta alla diminuzione dei costi, dovendo tener conto della compensazione che si ottiene effettuando lo spostamento dal centro alla periferia della capacità elaborativa . Conseguentemente forse è più corretto non parlare di downsizing ma di rightsizing (giusta size, ossia la giusta dimensione dei sistemi EDP aziendali).

tratto dalla tesi di laurea di Lucio Torre, dal titolo
"Aspetti e problemi dei sistemi informativi nelle aziende di credito"
Università degli studi di Salerno


Vai all'indice