QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sat13Sep200820:13
Rimediare allo stress del rientro dalle vacanze
Sonni tranquilli e respiri profondi, rigorosamente dal naso. Sono i consigli contro lo stress da rientro, sindrome post-estiva che affligge in questi giorni milioni di italiani con notti agitate, umore nero, irritabilita' e difficolta' di concentrazione. Al solo pensiero di tornare alla routine di ogni giorno, insomma, ci si sente piu' stanchi di quando si e' partiti. Ma per un 'atterraggio morbido' dalla spiaggia all'ufficio, assicurano gli esperti, bastano poche, semplici regole: riposare bene, mangiare sano e concedersi degli attimi di relax.

Comandamento numero uno nel vademecum pre-autunnale, dunque, dormire sodo. Possibilmente senza russare, cosi' da non complicare la sindrome da rientro del partner. E il segreto per notti silenziose sta nel respiro sano e nello stile di vita 'doc'.

Secondo una recente indagine commissionata a GFK Eurisko dai produttori del cerottino nasale RespiraBene - ricorda infatti una nota - nel 48% dei casi si russa per stanchezza, nel 25% per problemi di naso come raffreddori o allergie, e nel 18% per eccessi a tavola.

Il sonno, sottolineano gli specialisti del settore, e' una risorsa importante per recuperare le forze fisiche e mentali e sentirsi pronti ad affrontare la giornata. E la chiave di volta per abbandonarsi meglio tra le braccia di Morfeo e' il respiro. Profondo e dal naso, la via migliore per poter inviare ai polmoni aria pulita e in quantita' adeguata a ossigenare sangue e tessuti. Sonno e respiro a parte, ecco i suggerimenti per una ripresa meno traumatica:

1) Gestire il rientro alla routine cittadina in modo graduale, iniziando la preparazione quando ancora si e' in vacanza;

2) Dopo il rientro dal luogo di villeggiatura, prevedere uno o due giorni di 'decompressione' e relax a casa prima di tornare al lavoro. Soprattutto in caso di vacanze Oltreoceano, perche' allo stress si aggiunge la sindrome da jet lag;

3) Cercare di mantenere i buoni propositi e le buone abitudini dei giorni di ferie, in primis mangiare sano e consumare molta frutta;

4) Non abbandonarsi alla vita sedentaria;

5) Iniziare gradualmente l'attivita' lavorativa, concedendosi un po' di riposo cosi' da prolungare l'effetto-vacanza. E se la tristezza prende il sopravvento e la crisi di panico incombe, tirare un lungo respiro.

www.aduc.it