QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sun10Aug200308:00
Bevete con moderazione
Hank e Cindy si stanno godendo una romantica cena a lume di candela in un ristorante quando un vecchio amico di lui si avvicina. Capisce che i due si sono fidanzati da poco, si congratula e comincia a raccontare dei tempi del college, quando Hank era un vero latin lover. Più avanti va la conversazione, più la fidanzata, Cindy sembra scioccata dall'atteggiamento dell'amico.

Mentre la pubblicità è ancora in onda sugli schermi tv, scorre il sottotitolo: “Capire quando è il momento di fermarsi è una buona cosa”. Pochi minuti di reclame televisiva sono bastati alla Diageo, società leader nella vendita di alcolici (Guinness e Smirnoff), per lanciare il proprio messaggio: bere troppo fa male, meglio saper smettere al momento giusto. La pubblicità però ha dell’insolito, considerato che a consigliare di moderare l’uso degli alcolici è proprio una società che di quelle bevande fa il proprio business. L’azienda difende la propria scelta, sostenendo che la decisione adottata rientra in una più ampia politica, il cui obiettivo è incoraggiare la gente ad un uso moderato dell’alcol.

Negli ultimi anni, infatti, la Diageo, come altre società di vendita di bevande forti, sono state prese di mira, accusate di non fare nulla per tenere sotto controllo gli alti livelli di consumo di alcolici. “Pensiamo di avere un ruolo da giocare nell’educazione del consumatore, che deve imparare a bere in modo responsabile”, dice Tony Mair, che ha curato la campagna pubblicitaria. E subito arriva il plauso delle organizzazioni che si occupano di alcolismo: “E’ un passo avanti. Vorremmo vedere più atti da parte delle società coinvolte nel business, per scoraggiare un’esagerata assunzione di alcol”.

www.ilnuovo.it



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it