QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sat03Apr201016:00
Energia elettrica e gas, news 2010
Le novità per il 2010. GAS

Contatori malfunzionanti: nuove regole per la sostituzione e il ricalcolo dei consumi Dal 1/4/2010 entrano in vigore alcune novita' inerenti le regole sulle verifiche ai contatori del gas.

Diventa piu' chiaro che il contatore, in caso di malfunzionamento, va sostituito senza alcun onere a carico dell'utente. Se il contatore viene inviato ad un laboratorio qualificato, l'utente deve esser messo a conoscenza del laboratorio prescelto dal distributore che e' intervenuto. L'utente, che deve essere presente, deve anche essere informato di tutte le attivita' inerenti la verifica e deve firmare il relativo verbale.

Novita' anche sulla ricostruzione dei consumi conseguente alla sostituzione del contatore. Se non e' possibile determinare con certezza il momento in cui si e' verificato il guasto (normale momento da cui parte il ricalcolo) dev'essere presa il considerazione l'ultima lettura validata dal distributore e non contestata dall'utente. La ricostruzione dei consumi non puo' riguardare in ogni caso un periodo di tempo superiore ai cinque anni precedenti la data di verifica del contatore o di sua sostituzione.

L'importo del riconteggio dei consumi non puo' inoltre essere addebitato all'utente - per un periodo massimo coincidente con la periodicita' prevista dal contratto per le letture del contatore- qualora il distributore non abbia rispettato le regole sulle letture obbligatorie. Stessa cosa nel caso in cui il contatore sia del tutto o parzialmente inaccessibile e il venditore di gas non abbia informato l'utente della verifica.

Fonte: Delibera dell'Autorita' per l'energia ed il gas 7/2010 che ha modificato l'art.41 della delibera 120/08, il "Testo unico della qualita'" per i servizi del gas.

Prima bolletta 2010: applicazione retroattiva delle nuove tariffe gas 2009/2012 e del nuovo coefficiente C Altra novita' rilevante e' l'entrata in vigore -retroattiva dal 1/7/2009 - di alcune delibere che modificano le tariffe per il periodo 2009/2012, con applicazione di un nuovo coefficiente di conversione dei consumi, il coefficiente C.

Si tratta di un coefficiente di correzione che converte i volumi di gas misurati dal contatore (in metri cubi) in volumi detti "a condizioni standard di pressione e temperatura", ovvero in consumo espresso in standard metri cubi (SMC). Il coefficiente cambia a seconda della zona climatica ove si trova l'utenza, e dovrebbe consentire di uniformare per tutta Italia il calcolo dell'effettiva quantita' di energia consumata tenendo anche conto della pressione e della temperatura.

Nella prima bolletta del 2010 ci si trova di fronte ad un conguaglio dei consumi calcolato a partire dal 1/7/2009, con le nuove tariffe e il nuovo coefficiente C (che sostituisce il precedente, il coefficiente M).

Fonte: Delibere dell'Autorita' per l'energia ed il gas 159/08,64/09 e 79/09.

ENERGIA ELETTRICA

Tariffa bioraria per tutti dal 1/7/2010

Dal 1/7/2010 verranno gradualmente introdotte le tariffe biorarie per tutti gli utenti non passati al mercato libero (quindi ancora legati al mercato vincolato gestito dall'Autorita' per l'energia e gas), con prezzi differenziati a seconda del momento di utilizzo dell'energia.

La fascia piu' costosa sara' la F1, decorrente dalle ore 8:00 alle 19:00 dei giorni feriali.

Le altre fasce (F2 e F3), ovvero i giorni feriali dalle 19:00 alle 8:00, il Sabato, la Domenica e i giorni festivi, godranno di tariffe piu' basse.

Fino al Gennaio 2012 le differenze di prezzo saranno minime (circa il 10%), per consentire agli utenti di adattarsi via via alle nuove abitudini di consumo.

Nelle tre bollette precedenti il 1/7/2010 ogni utente potra' verificare la ripartizione dei propri consumi nelle tre fasce, per inquadrare meglio la propria situazione e programmarsi per il futuro.

Gli utenti che sono gia' passati al mercato libero continuano ovviamente a pagare l'elettricita' secondo le condizioni poste dal contratto sottoscritto, che puo' avere tariffazione bioraria o meno.

Fonte: Delibere dell'Autorita' per l'energia ed il gas 56/08,112/09,177/09, 8/10 e 22/10

ENERGIA ELETTRICA E GAS

Nuove bollette

Un'ulteriore novita' e' un nuovo modello di bolletta, unico per le utenze gas e per quelle elettriche.

Senza entrare nel dettaglio di tutta la bolletta (per il quale si rimanda al link sottoriportato) e' da rilevare la distinzione che dovra' essere fatta, nel quadro del dettaglio, dei corrispettivi per il servizio di vendita (costi della materia prima, di dispacciamento e di commercializzazione) da quelli per i servizi di rete (costi di distribuzione, trasporto e misura).

Questa distinzione e' importante, perche' i corrispettivi per il servizio di vendita rappresentano la fetta piu' grossa dei costi che gravano sull'utente, e costituiscono la parte "liberalizzata" della tariffa. Per gli utenti che hanno sottoscritto contatti con un venditore del mercato libero, infatti, questi costi sono fissati dal venditore, cosi' come gli eventuali sconti che devono essere ugualmente dettagliati in bolletta.

Considerando quindi che tutti i venditori dovranno, con questa nuova bolletta, specificare le componenti della tariffa da loro promossa, dovrebbe diventare piu' facile verificare la corretta applicazione dei prezzi previsti dal contratto, nonche' confrontare gli stessi con altre offerte.

I corrispettivi per i servizi di rete, invece, sono uguali per tutti e vengono definiti dall'Autorita' per l'energia ed il gas.

Tutti i gestori e venditori dovranno adottare questo nuovo modello di fattura entro il 2010, per essere tassativamente in regola dal 1/1/2011 (scadenza).

Fonte: Delibera dell'Autorita' per l'energia ed il gas

 



Fonte: Rita Sabelli - www.aduc.it



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it