QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sun18Oct200920:00
Incentivi: dopo le biciclette tocca ai motorini
Dopo il grande successo riscontrato nell’analoga iniziativa rivolta agli amanti delle pedalate, che ha visto l’acquisto di circa 57 mila biciclette in soli 4 giorni, è la volta dei motorini.

Sono partiti gli "ecoincentivi" rivolti all’acquisto di motocicli, ciclomotori, motorini elettrici, tricicli e quadricicli, a basso impatto ambientale. All’iniziativa sono destinati 5,1 milioni di euro (su un totale di 14,5 milioni di euro stanziati dal Ministero dell'Ambiente).

Sul sito del Ministero dell’Ambiente è possibile accedere ad una sezione comprensiva di tutte le informazioni, compreso l’elenco degli oltre 3 mila rivenditori, sparsi su tutto il territorio nazionale, che aderiscono all’iniziativa. L'accordo tra il Ministero e l'ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) prevede diverse categorie d'incentivo:

Motociclo elettrico (sconto applicato 30% - tetto max 800€)
Quadriciclo elettrico (sconto applicato 30% - tetto max 1300€)
Ciclomotore elettrico (sconto applicato 30% - tetto max 850€)
Ciclomotore Euro 2 a quattro tempi (sconto applicato 20% - tetto max 500€)
Ciclomotore Euro 2 a due tempi (sconto applicato 8% - tetto max 180€)

Come avvalersi dell’incentivo

Non occorre rottamare un vecchio modello qualora si decidesse di acquistare un motociclo elettrico, un quadriciclo elettrico o un ciclomotore elettrico. In tutti gli altri casi di acquisto, l’agevolazione è legata alla contestuale rottamazione di un vecchio ciclomotore (Euro 0 o Euro 1).

La procedura di acquisto

È sufficiente recarsi in uno dei rivenditori aderenti, scegliere il modello su cui ricade l’incentivo e compilare il modulo di richiesta del bonus fornito dal negoziante.
L’incentivo viene riconosciuto automaticamente al cliente con uno sconto sul prezzo finale.
Il rivenditore trasmetterà successivamente il modulo compilato al Ministero dell’Ambiente, registrando la prenotazione del cliente in un sistema informatizzato. Mensilmente, il ministero procederà ai rimborsi sulla base delle registrazioni telematiche.

Gli incentivi voluti dal Ministero dell’Ambiente intendono salvaguardare della qualità ambientale delle città attraverso la riduzione delle emissioni prodotte  dal parco circolante dei ciclomotori e dei motocicli.



www.governo.it



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it