QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Thu02Aug200100:00
FRANCIA: IMPRENDITORI DIFFIDATI DAL LEGGERE LE E-MAIL DEI DIPENDENTI
La Commission Nationale de l`Informatique et des Libertés (CNIL), istituzione francese omologa del Garante italiano della Privacy, ha lanciato questa settimana La Commission Nationale de l`Informatique et des Libertés (CNIL), istituzione francese omologa del Garante italiano della Privacy, ha lanciato questa settimana un deciso monito nei confronti degli imprenditori francesi riguardo alla pratica, apparentemente sempre più diffusa, di spiare le e-mail dei dipendenti e il loro utilizzo della Rete. Il vice-presidente dell`istituzione francese, pur riconoscendo il diritto dei datori di lavoro a garantirsi contro uno smodato utilizzo di Internet, posta elettronica e telefono per fini extra-lavorativi, ha affermato che questo diritto è sottoposto comunque a forti limitazioni. I datori di lavoro, secondo Bouchet, non possono infatti liberamente accedere alla posta elettronica dei dipendenti né registrarne la navigazione sul Web, poiché queste pratiche comportano una grave violazione dei diritti fondamentali alla riservatezza e alla vita privata, anche nel caso che queste intromissioni siano state dichiarate preventivamente. Il controllo sull`utilizzo adeguato e corretto degli strumenti di comunicazione telematica messi a disposizione dei dipendenti deve - e può - infatti avvenire in modi non lesivi dei diritti di privacy. L`occasione di queste dichiarazioni è stata una conferenza stampa in cui il CNIL ha presentato un "libro bianco" appositamente elaborato per cercare di fare chiarezza sulla questione. Il documento, la cui versione definitiva sarà pubblicata in autunno, è disponibile online e rappresenta un interessante punto di riferimento a livello europeo sia per gli imprenditori che per i lavoratori interessati al problema. Vi si può leggere infatti una presentazione semplice, ma allo stesso tempo approfondita, degli aspetti tecnologici della questione, una panoramica sulle normative e le pratiche diffuse in vari paesi comunitari. Il libro bianco propone anche delle linee guida che delineano un quadro al cui interno lavoratori e imprenditori possano raggiungere soluzioni sia a livello aziendale che collettivo.

Fonte: Newsletter Praxa
http://praxa.it/euroweb.php/showArticle?__art=4101&uid=m9QSCDo6KGzC80XU



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it