QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Fri03Aug200100:00
IL DIRITTO AL PROPRIO NOME SU INTERNET: LINEE GUIDA DALLA WIPO
Garantire il diritto alla visibilità su Internet sia delle grandi imprese che delle piccole è l`obiettivo delle linee guida per le dispute sui nomi di Garantire il diritto alla visibilità su Internet sia delle grandi imprese che delle piccole è l`obiettivo delle linee guida per le dispute sui nomi di dominio nazionali (.it, .fr, .de, eccetera) rese pubbliche la scorsa settimana dalla World Intellectual Property Organisation (WIPO). I principi proposti si ispirano a quelli ormai consolidati nella risoluzione extragiudiziale delle controversie sui domini globali (.com, .net, .org). La WIPO intende tutelare le piccole imprese stabilendo che chiunque registri per primo un nome di dominio nutre ogni diritto su di esso, se realmente utilizzato per una attività online. Tale diritto prevale anche su quello del possessore di un marchio registrato analogo, a meno che quest`ultimo non riesca a dimostrare la malafede del registrante (domain grabbing) o il suo intento di danneggiare il marchio o la sua visibilità. L`Italia in questo campo è all`avanguardia, nonostante le recenti polemiche sull`inadeguatezza delle normative in materia discusse in questi giorni al Parlamento. Infatti la naming authority italiana (Nic.it) adotta già principi analoghi a quelli proposti dall`organizzazione ginevrina per la risoluzione extragiudiziale delle dispute sui domini. Le autorità di naming di alcuni paesi, come Francia, Spagna e Belgio si stanno orientando nella stessa direzione intrapresa dal Nic.it, mentre altre, come quella inglese e quella tedesca sembrano voler privilegiare un atteggiamento più liberista in materia. La WIPO non ha ufficialmente il potere di introdurre normative nazionali e nemmeno di obbligare le singole autorità di naming a seguire i suoi principi. Quello che può fare è stabilire delle linee guida nell`auspicio che tramite la loro adozione volontaria si arrivi a una sostanziale standardizzazione degli stessi a livello internazionale.

Fonte: Newsletter Praxa
http://praxa.it/euroweb.php/showArticle?__art=4103&uid=m9QSCDo6KGzC80XU



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it