QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Tue20May201412:06
Come il nostro computer ci manipola. Tassonomia del web (6/8)
Un'altra azienda, la Weborama, si e' lanciata in una avventura piu' sporca: sfruttare il “web delle parole”. Grazie a dei programmi robottizzati, raccoglie i testi pubblicati in un vasto numero di siti e di forum. 


A partire da questi dati rozzi, i linguisti di Weborama hanno estratto un lessico di seimila termini che possono essere utilizzati nell'ambito della pubblicita'.
In un secondo tempo, i matematici organizzano il web come uno “spazio metrico”: calcolano la distanza relativa tra le parole, rispetto al fatto che siano piu' o meno associate nella medesima frase. Poi mettono insieme queste parole in 177 gruppi tematici -assicurazioni, giochi d'azzardo, alimentazione, sport, animali domestici.. Il proprietario di Weborama, Alain Levy, riassume cosi' il suo approccio: “Questa tassonomia diviene la nostra visione del web. Il riferimento non e' piu' il sito, ma la parola”.
Si passa cosi' all'aspetto commerciale. Grazie ad alcuni accordi con delle agenzie, Weborama mette dei cookie a milioni di navigatori. Poi li segue attraverso il web e raccoglie le parole pubblicate su tutti i siti che visitano: “Ad ogni profilo viene cosi' attribuito
 il proprio ambito di parole che gli appartiene”. I computer in seguito progettano degli ambiti sulla base dei dati contenuti nei gruppi di parole, e attribuiscono ad ogni profilo un riferimento per ogni categoria. 
Crescendo i riferimenti -per esempio 13 su 14 (il massimo) per le parole associate alla moda, 12 per il design, ma solamente 2 per lo sport, 1 per le automobili- Weborama puo' dire all'inserzionista cosa c'e' dietro ogni cookie: “Ci sara', per esempio, una donna di 39/49 anni, appassionata di moda, indifferente allo sport. Essa non avra' interessi per alcuni messaggi pubblicitari e, al contrario, lo avra' per altri. Un'azienda di moda sara' interessata a pagare due euro per ogni pubblicita' sul suo schermo”. Weborama possiede ad oggi 62 milioni di profili per la Francia -ci sono anche dei doppioni, poiche' la medesima persona puo' utilizzare diversi apparecchi (computer, smartphone, tablet). L'aggiornamento e' continuo, ogni click attiva nuovi calcoli.





(tratto da un articolo di Yves Eudes, pubblicato sul quotidiano Le Monde del 14/04/2014)



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it