QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Mon13Sep201016:30
Bosnia: prosegue la crescita della banda larga
Un recente rapporto steso da BMI offre gli ultimi dati e previsioni riguardo il
settore delle telecomunicazioni in Bosnia - Herzegovina, con particolare riferimento allo sviluppo della banda larga.
Storicamente, il mercato delle telecomunicazioni del Paese è caratterizzato da una situazione singolare: tre operatori si dividono il territorio in base a storiche aree di concessione; da un punto di vista amministrativo, la Bosnia Herzegovina è divisa in due entità, la Repubblica Srspka e la Federazione di  Bosnia & Herzegovina. BH Telecom è il principale operatore del Paese ed è quello ad avere la maggiore concessione, nella Federazione;  Telekom Srpske, secondo operatore in ordine di grandezza, è attivo nella Repubblica Srspska. HT Mostar il terzo, è attivo nella sola aerea della Herzegovina.

Nel tentativo di incoraggiare maggiore competizione trai tre operatori nel settore fisso e mobile, l´autorità di regolamentazione del settore ha tagliato i costi di interconnessione e permesso agli operatori di offrire i propri servizi anche al di fuori delle aree di concessione originarie. Il provvedimento sembra al momento stare ottenendo risultati positivi, sebbene lentamente: Telekom Srpske, ha per  esempio annunciato che circa il 19 per cento dei propri abbonati, circa 250.000 clienti, risiede nella Federazione, ossia al di fuori della propria area di concessione originaria.
Al fine di accrescere la competizione sul mercato, si è tentato di favorire l´entrata di nuovi soggetti, tuttavia il tentativo è al momento fallito, e i tre soggetti principali continuano a essere dominanti.

Uno sviluppo atteso è quello della privatizzazione di BH Telecom, rimandata però a dopo le prossime elezioni, previste per il prossimo 10 ottobre, anche con l´obbiettivo di attendere la ripresa economica e poter vendere la quota dello Stato a un prezzo migliore. Al momento solo Telekom Srpske è stata privatizzata: nel 2007 il controllo è stato assunto da Telekom Serbia. Una quota rilevante di HT Mostar, pari al 39,1 per cento, è detenuta dalla croataT-Hrvatski Telekom,  a sua volta controllata da Deutsche Telekom. Tuttavia, lo Stato detiene ancora la partecipazione di maggioranza.

Per quanto concerne la banda larga, il settore è in rapida crescita, uno sviluppo incoraggiante in vista dello sviluppo di servizi avanzati come l´IPTV, peraltro già
lanciata da alla fine del 2009 da BH Telecom.
Telekom Srpske la lanciato i servizi di terza generazione nelle principali città, e anch´essa si prepara al lancio della IPTV. Vista la dimensione limitata della infrastruttura analogica, si prevede che i servizi 3G assumano un ruolo chiave nella espansione della banda larga, che rende ormai inutile lo sviluppo di reti via cavo, i cui costi sono proibitivi, specie quando si parla di raggiungere le popolazioni rurali.



Marcello Berlich



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it