QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Wed10Feb201021:00
Samsung arriva per prima sulla produzione di massa di TV 3D
Samsung Electronics annuncia che sarà la prima azienda ad avviare la produzione di massa di LED TV 3D e LCD 3D.

Samsung ha iniziato proprio in questo mese la produzione di LED TV e LCD Full HD 3D, nei formati da 40”, 46” e 55”, da utilizzare con occhialini 3D attivi. I TV 3D Samsung, tutti equipaggiati di processori 200Hz in grado di garantire 200 frame per secondo, permetteranno tanto una perfetta visione Full HD in due dimensioni che la possibilità di godere di un’immagine in Alta Definizione 3D capace di restituire dettagli nitidi anche nelle scene di movimento.

 

Samsung ha ridotto il tempo di risposta dei propri LED TV e LCD di circa il 20% che scendono sotto i 4 millesimi di secondo,
eliminando ogni interferenza fra le immagini rivolte all’occhio sinistro e quelle rivolte all’occhio destro. Con questo migliorato tempo di
risposta Samsung è grado di generare immagini 3D naturali oltre a restituire immagini in 2D che catturano con eccezionale chiarezza anche i
movimenti più rapidi.

La tecnologia Samsung nei nuovi occhialini 3D attivi, nomenclatura ufficiale coniata dal Glasses Standardization Working Group della Consumer Electronics Association (CEA), riproduce lo stesso fotogramma prima sulla lente sinistra e poi su quella destra, generando un momentaneo ritardo nella percezione dell’immagine che si traduce in una visione 3D fortemente realistica.

Le lenti polarizzate precedentemente montate sugli occhialini 3D sfruttavano invece una duplice proiezione di fotogrammi con luce polarizzata, una per l’occhio destro e una per il sinistro. Le lenti degli occhiali, anch’esse con polarizzazione differenziata, selezionavano la visione delle sole immagini compatibili, quella corretta per ogni occhio. Un inconveniente di questo metodo stava proprio nella polarizzazione della luce che generava, tra l’altro, una perdita di brillantezza dell’immagine.



 

Fonte: www.ictblog.it