QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sun09Nov200813:27
Svizzera, troppi cellulari nelle immondizie
La cultura della raccolta differenziata dei rifiuti fatica ancora ad affermarsi nel nostro paese. Altro discorso invece per la Svizzera, che in merito a raccolta e trattamento dell'immondizia può vantare un primato mondiale. Un primato che non tocca però i telefonini: a quanto pare gran parte dei cellulari in disuso, di cui la gente si libera, finisce nel sacco dell'immondizia domestica.

Dal punto di vista ambientale la questione richiede attenzione: una volta dismesso, il telefono cellulare - come molte apparecchiature elettriche ed elettroniche - deve essere trattato come un rifiuto speciale. Prima di tutto per una questione di buon senso e di educazione al rispetto dell'ambiente. In secondo luogo perché lo dice la legge: in Italia la legislazione ha recepito solo da pochi mesi le direttive comunitarie relative ai RAEE, mentre la Svizzera non può certo essere considerata una nazione ignorante in materia: come sottolinea il portale AducTLC, il Paese alpino vanta il primato mondiale per la raccolta differenziata.

Nonostante questa ecosensibilità, garantita e certificata da una prassi consolidata da anni, l'85% dei cellulari dismessi non viene trattato correttamente e finisce nel sacco dell'immondizia, insieme al comune rifiuto secco.

 

Come noto, il cellulare è a tutti gli effetti un rifiuto speciale da trattare opportunamente, in quanto la sua componentistica contiene materiali come antimonio, berillio, cadmio, piombo, nichel, palladio, argento, zinco, mercurio. "In Svizzera - ricorda Aduc TLC - il negoziante è tenuto a riprendersi il vecchio apparecchio, che è un servizio già pagato in anticipo con la tassa sul riciclaggio. Spesso, però, i consumatori se ne scordano".

C'è da osservare che ci sono nazioni che si comportano in modo ancor meno lodevole, dimostrando che senso civico e rispetto dell'ambiente non sembrano dunque essere ancora un patrimonio condiviso dalla collettività: come riferito un anno fa da Tech.co.uk, una ricerca condotta da SimplySwitch ha rilevato che ogni anno sono 885mila i telefonini britannici che finiscono nello sciacquone, imboccando le autostrade fognarie... quando non intasano le condutture domestiche.

E l'Italia? Il cammino verso un trattamento più "verde" dei rifiuti elettronici è appena cominciato, e il Belpaese non può ancora definirsi virtuoso in questa materia: solo con il tempo sarà possibile sapere se gli utenti dello Stivale si comportano realmente meglio dei vicini elvetici meno disciplinati.

Dario Bonacina - http://punto-informatico.it



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it