QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

La Turchia si è classificata quest´anno al 58mo posto con un punteggio di 4,6 (nell´anno precedente era 66ma; l´Italia è risultata nel contempo al 55mo posto) nella graduatoria stilata da Trasparency International (una NGO con sede a Berlino specializzata in ambito anti-corruzione) nell´ambito di uno studio sul tasso di corruzione in 180 Paesi, scrive l´ICE.

L´indice raccoglie i dati sul tasso di percezione della corruzione a livello pubblico (CPI) con una scala da 0 a 10 (0 P il livello massimo di corruzione) con l´obiettivo di mostrare all´opinione pubblica mondiale non solo l´andamento dei singoli Paesi, ma anche come evitare di assegnare p.e. aiuti a Paesi che ne fanno un uso distorto, ovvero segnalare agli imprenditori le problematicità dei singoli mercati.

Lo studio fa presente peraltro che la Turchia negli ultimi anni ha compiuto dei passi in avanti sul fronte anti-corruzione, anche se non ancora pienamente effettivi. Al primo posto nella classifica - sul versante dei più virtuosi - si è collocata la Danimarca, seguita dalla Svezia e dalla Nuova Zelanda. Sull´altro versante, spicca l´ultimo posto della Somalia, preceduta da Myanmar, Irak e Haiti.

Marcello Berlich - by ICE.GOV.IT



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it