QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Per gli amanti dell'abbronzatura a tutti i costi la vitale domanda e' d'obbligo: e' meglio prendere il sole sdraiati o in piedi?

La questione ha investito anche una nota rivista (Focus) ed ha meritato la risposta di Furio Honsell, rettore della Università' di Udine: a mezzogiorno meglio essere distesi, invece quando il sole e' basso (mattina o sera) meglio stare in piedi. Il motivo e' dovuto all'inclinazione dei raggi solari che a mezzogiorno sono perpendicolari alla terra e diversamente obliqui nelle altre ore, con un massimo di inclinazione al tramonto e all'alba.

La maggiore concentrazione delle radiazioni su una superficie corporea orizzontale si ha a meta' giornata e quindi l'effetto abbronzante e' esplicato al massimo, mentre nelle altre ore la distribuzione dei raggi e' piu' ampia e quindi minore la quantita' distribuita per unita' di superficie. Tutto cio' e' vero ma il corpo umano e' sagomato e per questo alcune parti prendono meno sole delle altre, per esempio il sotto mento o il viso quando si sta a pancia in giu'. Camminando si offre la superficie del corpo in diverse posizioni e quindi l'abbronzatura e' piu' omogenea. Se poi si passeggia sulla battigia si ha l'effetto combinato della radiazione diretta dal sole e di quelle indirette dovute alla riflessione della luce sulla sabbia e della riflessione e rifrazione del mare (lago, fiume). Da considerare, inoltre, l'effetto benefico sul piede della sabbia che stimola muscoli poco utilizzati nel movimento di tutti i giorni.

Il consiglio? Farsi una bella passeggiata sul bagnasciuga fa bene al corpo, tonifica e... abbronza.

Newsletter ADUC



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it