QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Tue09Sep200315:00
Il ritmo dei cambiamenti nel mercato delle carte di pagamento non conosce soste e le pressioni sono molto forti, ma per le aziende di questo settore investire nella formazione e quindi poter fruire di competenze professionali altamente qualificate è la migliore soluzione per rimanere ai vertici.

Soltanto dieci anni fa, quando la Visa Bank Card Business School aprì le porte ai suoi primi studenti, il settore delle carte di pagamento era molto diverso da ciò che è ora.

Tutte le vecchie certezze sono state spazzate via ed al loro posto ci sono nuove “incertezze”: nuovi attori che competono per trovare spazio in un mercato già molto affollato; continue fusioni ed acquisizioni, nuove e sofisticate tecnologie da assimilare; aumento dell’esposizione alle frodi e ai crediti inesigibili; consumatori sempre più esperti ed esigenti da attirare e fidelizzare. Tutto questo genera delle forti pressioni sui margini di redditività, sui sistemi, sui processi e sulla operatività dei dipendenti.

Ora più che mai, le aziende del settore con il maggior vantaggio competitivo sono proprio quelle che hanno saputo anticipare i cambiamenti e preparare il proprio personale a tali pressioni.

Naturalmente, un’efficace formazione degli addetti all’offerta delle carte bancarie si rivela più difficile da realizzare rispetto alle intenzioni. Per la maggior parte delle aziende del settore, mantenere questa funzione al proprio interno non rappresenta un’opzione efficiente, e trovare un consulente esterno, dotato di un adeguato livello di esperienza di management e di conoscenza della tecnologia e dei processi, è estremamente difficile.

Con l’inaugurazione della Bank Card Business School, Visa ha riempito un vuoto. Le banche da tempo lamentavano la mancanza di un corso intensivo che desse al loro staff non solo un panorama completo su tutti gli aspetti del business delle carte, ma che li aiutasse anche nella gestione delle grandi sfide e opportunità che il mercato si trovava ad affrontare. E per più di un decennio questo è stato ciò che la Bank Card Business School ha saputo offrire ai 170 professionisti delle carte di pagamento che ogni estate hanno frequentato il corso di durata settimanale.

Gli “allievi” provengono dalle esperienze lavorative più diverse. Alcuni sono affermati professionisti che desiderano ricevere una rapida introduzione al business delle carte, altri sono specialisti che richiedono una visione più ampia e altri ancora sono manager che cercano nuove strategie e nuovi processi che li aiutino a far fronte alla riduzione dei loro margini di profitto.

Per conoscere le modalità di iscrizione alla Bank Card Business School è possibile consultare il sito www.visabs.com, dove è possibile verificare direttamente i requisiti richiesti per l’accesso alla Business School, i programmi didattici dei corsi e gli argomenti dei seminari di approfondimento.


Le aspettative degli iscritti al corso sono molto alte. Attraverso una fitta serie di lezioni obbligatorie e facoltative affiancate da un intenso lavoro di gruppo, i partecipanti acquisiscono tutti gli elementi di base, dal design di prodotto al marketing, dalla gestione delle frodi alla valutazione della performance dei programmi. Inoltre, gli iscritti vengono aggiornati sugli ultimi sviluppi teorici e tecnologici del settore, e sulle tendenze del mercato più recenti. Questo significa, ogni anno, aggiornare di conseguenza il programma di studi, e portare sempre nuovi relatori ai corsi rinnovando anche il corpo docente.

“In qualità di docenti, il nostro lavoro è di aiutare gli studenti a sfidare le opinioni comuni che non funzionano più ed indirizzarli verso nuove linee di pensiero, nuovi approcci che possano funzionare meglio” ha commentato Peter Hall, fondatore di Intuition International e membro anziano del corpo docente.

Hall cita come esempio la gestione dell’informazione. “Fino a non molto tempo fa la gestione delle informazioni era considerata dal marketing come un lusso. Ora la strategia nella gestione dell’informazione è indispensabile per ogni azienda operante nel settore delle carte di pagamento che voglia sostenere la crescita, migliorare i propri margini di profitto, ridurre i costi operativi e accrescere la comprensione dei mercati in cui opera”.

Uno dei maggiori punti di forza di Visa è la propria internazionalità. Ed uno dei maggiori punti di forza della Bank Card Business School è la varietà di nazionalità e di esperienza dei propri iscritti. Provenendo da tutte le parti del mondo – dal Belgio al Bahrain, da Singapore al Sud Africa, dalla Gran Bretagna agli Emirati Arabi – gli studenti si aspettano di partecipare il più possibile al ricco mix di discussioni, dibattiti e lavoro di gruppo che sono il cuore della settimana del corso estivo. Quindi da loro ci si aspetta cha facciano valere la propria esperienza nelle letture interattive, nei panel delle discussioni di gruppo, nelle tavole rotonde e nelle sessioni di briefing e feedback.

è un’eccellente opportunità per imparare di più sul business non solo dagli esperti di questo settore, ma anche dai colleghi provenienti da tutto il mondo”, dice Amit Desai, Chief Manager del Cards Centre della Banca Internazionale dell’Oman.

Lo scopo della Scuola è di fornire conoscenze e capacità che possano essere subito applicate dagli studenti, una volta rientrati ai loro posti di lavoro. A questo scopo, ogni studente partecipa ad un esercizio di simulazione per cui ognuno di essi deve proporre e sviluppare un proprio “programma di carte di pagamento”. Lavorando in piccoli gruppi costituiti da persone di diverse nazionalità e guidati da un tutor, essi si trovano a tradurre la teoria in pratica. Analizzano il mercato, tracciano una strategia, prendono le decisioni di business: tutto nello sforzo di scoprire quale programma produca il maggior profitto.

“È un ottimo esercizio di team building interculturale ed un utilissimo modo di venire alle prese con gli elementi di determinazione dei costi e dei profitti” ha detto David Colliazi, fondatore e presidente del Five Star Development e principale docente della Business School. “Con il trascorrere della settimana, gli studenti scoprono il reale impatto che le loro decisioni hanno avuto sulla performance e sulla profittabilità del loro programma. Raccolgono i benefici del lavoro cooperativo in un ambiente il più possibile vicino al mondo reale”.

Fondamentale è stata la scelta di una sede adeguata. Il Robinson College di Cambridge, che ospita il corso fin dalla sua costituzione, è un centro di eccellenza accademica in una delle più prestigiose università. Situato a pochi minuti dal centro storico della città di Cambridge, il collegio offre un ambiente raccolto e discreto, ideale per i sei giorni di corso intensivo. Gli alloggi di tutti gli studenti e dei membri della facoltà si trovano nel campus, e tutte le strutture del college si trovano a portata di mano.

La misura del successo della Bank Card Business School è la consapevolezza con la quale gli studenti lasciano la scuola, sicuri di poter garantire al proprio business un maggior contributo. Per questo è necessario approntare un piano di studi adeguato. Attraverso il sito www.visabs.com gli studenti registrati possono contribuire con i loro suggerimenti a determinare i contenuti finali del corso, scaricare del materiale per prepararsi prima dei corsi, e registrarsi ad un forum online per gli studenti.

Per dirla con le parole dell’ex studente Anders Håkansson: “Si tratta di un metodo di apprendimento veloce che richiede totale concentrazione e che porta risultati.... un corso estremamente professionale, che offre presentazioni ben bilanciate su un ampio spettro di argomenti, con la giusta misura di serietà ed informalità... gli esercizi di lavoro interattivo e di team building sono stati particolarmente preziosi.”



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it