QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Abbiamo intervistato Matteo Bonsignore, Presidente della Bonsignore & Partners Assicurazioni.

Dottor Bonsignore, quali sono le garanzie assicurative presenti nel mercato del credito al consumo?

"Sono sostanzialmente delle polizze vita, molto diffuse all'estero ma non sul mercato italiano. Coprono il rischio di perdita del posto di lavoro, di incapacità temporanea al lavoro e il caso morte. Chiaramente sono previsti periodi di franchigia (al massimo tre mesi) e di carenza, massimali e casi di esclusione ben definiti".

Come mai non sono popolari in Italia?

"I  principali problemi sono il minor sviluppo del mercato del credito al consumo in Italia - rispetto agli altri Paesi - e  la scarsa propensione degli italiani alla gestione del rischio. Le compagnie italiane non offrono questo prodotto e, dovendosi rivolgere al mercato estero, non si riesce a canalizzare volumi adeguati, con il risultato che, anche quando presente, la copertura assicurativa è piuttosto cara. Sotto questo punto di vista sono dunque avvantaggiate le società di credito al consumo di matrice straniera".

Consiglierebbe la sottoscrizione di una polizza vita per garantire il pagamento delle rate?

"Il costo elevato della copertura  assicurativa la rende adatta non per piccoli importi, ma per somme più elevate, come ad esempio prestiti per l'acquisto dell'auto o una ristrutturazione".

Per quanto riguarda il credito immobiliare quali sono le polizze correlate?

"Le coperture fondamentali sono contro incendio, scoppio e garanzie accessorie dell'immobile e la temporanea caso morte del mutuatario. Vi è poi la garanzia del credito in caso di mutui con alto loan-to-value, che in sostanza è una polizza cauzioni. Fondamentale è il ruolo del mediatore assicurativo per far incontrare banca e compagnia assicurativa".

Ritiene che solo gli istituti creditizi possano offrire tali polizze?

"No, ma gli istituti creditizi partono avvantaggiati perché possono abbinare al mutuo le coperture assicurative e offrire un prodotto completo. Gli altri operatori del mercato hanno bisogno di una strategia alternativa per aggredire il mercato e raggiungere volumi sufficienti per competere con la value proposition delle banche".

Cosa consiglierebbe a chi sottoscrive un mutuo per soddisfare i propri bisogni assicurativi?

"Di non fermarsi alla banca mutuataria, ma di guardarsi in giro. Sono necessarie competenze specifiche per far emergere e soddisfare al meglio i bisogni assicurativi, ma spesso in banca  non vi sono tali skill". 

Bonsignore & Partners Assicurazioni Srl    
Via G. B. Pirelli, 11  -   20124 MILANO
Tel. 0266983064 - 78   Fax 0266983280

Intervista di Paolo D'Agostino



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it