QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Mon03Nov201400:10
Godimento di immobili con futuro acquisto (Rent to buy): FORMA E TRASCRIZIONE (5/10)
Al fine della sua trascrizione presso la conservatoria (prevista dal decreto a garanzia delle parti verso i terzi), il contratto va redatto come atto pubblico presso un notaio o altro pubblico ufficiale o come scrittura privata autenticata. La trascrizione in conservatoria avviene secondo la disciplina prevista per i preliminari di compravendita (art.2645 bis c.c.), con tutte le tutele previste dal codice civile (vedi anche art.2775 bis, 2825 bis e 2932). 
Dal momento che la vendita si perfeziona andrà ovviamente trascritto il rogito (contratto di compravendita). In merito va precisato che, a differenza di quanto succede per i contratti preliminari di compravendita, gli effetti della trascrizione del contratto “rent to buy” nei confronti di terzi si mantengono per tutta la durata del contratto stesso, al massimo comunque dieci anni. 

Si fa presente che se il contratto riguarda un'abitazione, il notaio deve fin da subito (inizio concessione del godimento) condizionare la stipula alla verifica dell'avvenuta cancellazione o frazionamento di eventuali ipoteche o pignoramenti e di suddivisione dell'eventuale mutuo in quote. Questa regola (art.8 D.lgs.122/2005) è classicamente riservata agli acquirenti di immobili da costruire ma la legge precisa che si applica anche a questa nuova forma contrattuale.

La trascrizione può essere cancellata per volontà delle parti o per sentenza.


ADUC (Rita Sabelli)