QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Wed13Jul200513:00
11 paesi UE devono adeguare le proprie politiche tlc
La Commissione europea ha avvisato 11 dei 25 Stati membri di adeguare le proprie politiche in ambito tlc. Se ciò non dovesse avvenire, sarà la Corte europea di giustizia ad occuparsi della questione, e potrebbero arrivare sanzioni importanti per quei Governi che non adegueranno le condizioni di mercato alle richieste UE.

I Paesi oggetto delle attenzioni della Commissione sono Francia, Finlandia, Grecia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Il nodo da sciogliere, nel caso di Repubblica Ceca, Lettonia, Polonia e Slovenia, riguarda il fallimento delle offerte di number portability e una situazione di fatto che disincentiva gli utenti a cambiare operatore.

Ma non è tutto: in alcuni Paesi non ci sono elenchi del telefoni, in forma tradizionale o come elenchi consultabili online, che offrano servizi per gli utenti fissi e mobili. E soprattutto nel caso dei numeri aziendali degli operatori mobili, dice la Commissione, questo fatto può essere un grave svantaggio. Avvisate Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia e Slovacchia è sufficientemente indipendente dal Governo.

Gli 11 Stati membri hanno due mesi di tempo per rispondere alla Commissione, che esaminerà le risposte e deciderà caso per caso.

Computerworldonline.it