QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

E' in auge la Mecca-Cola, una bevanda essenzialmente venduta come equa e solidale, tant'e' che anche i Democratici di Sinistra di Firenze, alla loro festa de l'Unita', come avviene da tempo per le feste di Liberazione del Partito della Rifondazione Comunista, l'hanno prescelta bandendo la Coca-Cola (anche se i Ds di Firenze, come hanno specificato in seguito alle prime notizie date, la vendita esclusiva avverra' solo nei bar che loro gestiscono direttamente, perche' in quelli affittati ad esterni, si continua a vendere).

La molla che fa scattare la scelta di questa cola rispetto a quella di Atlanta, e' che il 10% del ricavato va alla causa palestinese, e un altro 10% a Ong europee.


Ma chi fa questa scelta, e' bene informato? Abbiamo girato un po' in Internet e abbiamo trovato informazioni anche sui siti dei no-global (come italy.indimedya.org), e ne abbiamo dedotto quanto segue.


Il fondatore dell'azienda e' il tunisino Tawfik Mathlouthi, residente in Francia, dove ha fondato l'azienda, che marcia a gonfie vele e vende, rivolgendosi ad un target che potremmo genericamente definire "contro l'imperialismo Usa", in tutto il mondo (Usa inclusi). In Italia e' importata da un'azienda che in qualche modo si riferisce al partito di Fausto Bertinotti.


L'azienda francese pero' produce solo le bottiglie formato famiglia, perche' il resto e' prodotto dalla Mecca-Cola Middle East, con sede nell'emirato arabo di Dubai, piu' precisamente nella "Jebel Free Zone", un'area off-shore dove per legge sono vietati i sindacati e lo sciopero.


Inoltre la Fondazione Mecca-Cola International dona il 10% dei suoi profitti alla Mohammed bin Rashid Al Maktoum Charitable And Humanitarian Foundation che, in base alle direttive del generale Sheikh Mohammed Al Maktoum, Principe di Casa Reale del Dubai, e ministro della Difesa degli Emirati Arabi Uniti, i soldi verranno inviati in Liberia sotto forma di imprecisati aiuti umanitari.


E' bene ricordare, per informazione che serva ad ognuno, che la Coca-Cola Usa, ha di recente raddoppiato gli investimenti nella NBC, National Beverages Company in Palestina. La NBC impiega 200 addetti nella fabbrica di imbottigliamento a Ramallah. In aggiunta, NBC ha un centro di vendita e distribuzione a Gaza e tre depositi localizzati a Ramallah, Hebron e Nablus.


Ognuno, ovviamente, scelga di bere cio' che ritiene piu' opportuno. Pero' crediamo che quando si danno le informazioni, si deve cercare di darle il piu' possibile complete.

Newsletter ADUC



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it