QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Il pagamento della prossima rata delle risorse oggetto dell'accordo tra Fondo Monetario Internazionale e la Bosnia ed Erzegovina, del valore di circa 75 milioni di euro, è stato messo a rischio da due recenti decisioni del Governo, informa Sarajevo Times.

A giugno l’inflazione su base annua è stata del 2,1%, mentre i prezzi su base mensile non hanno subito modifiche, informa l'ICE.

La 'sorveglianza' cui la Grecia sarà sottoposta dopo la conclusione del piano di salvataggio avverrà in modalità molto simili a quelle delle periodiche revisioni del bailout succedutesi negli ultimi anni, prevedendo inoltre il coinvolgimento del Fondo Monetario Internazionale, nonostante la decisione di non rientrare tra i finanziatori del piano, scrive Ekathimerini.

La Republika Srpska - una delle due entità che compongo la Bosnia ed Erzegovina - ha portato a termine nei giorni scorsi la propria prima emissione di titoli sui mercati finanziari internazionali, per un valore complessivo di 168,3 milioni di euro, scrive Sarajevo Times.

La Grecia e i suoi creditori stanno lavorando al raggiungimento di un accordo finale sull'uscita dal piano di salvataggio internazionale nel corso dell'estrate: il vice Presidente UE Valdis Dombrovskis ha definito l'operazione "delicata, ma perfettamente fattibile", scrive Ekathimerini.

L'Unione europea e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) stano preparando un programma di investimenti per lo sviluppo del turismo, informa l'ICE.

L'autorità di gestione dei fondi strutturali europei e il Fondo di coesione ha confermato il finanziamento del progetto "Renewable Materials and Healthy Environments Research and Innovation - Centre of Excellence – InnoRenew CoE" (Centro di eccellenza per la ricerca e l'innovazione nei materiali rinnovabili e un ambiente di vita sano - InnoRenew CoE).

Il Consiglio dei Ministri di Bosnia ed Erzegovina ha recentemente approvato una Decisione riguardante l'utilizzo di fondi per oltre 17,6 miliardi di BAM (marchi: 1 marco = 0,50 euro circa), destinati al settore di Trasporti e Telecomunicazioni, informa Sarajevo Times.

Le banche greche si preparano a ridurre i crediti non performanti a un ritmo più aggressivo: il nuovo piano prevederebbe una riduzione superiore al 10-15 per cento - pari a circa 10 miliardi di euro - precedentemente previsto, informa Ekathimerini.

La Commissione Europea ha pubblicato il regolamento che disciplina l'erogazione dei fondi della sua politica agricola comune per il periodo 2021 - 2027, relativi a 365 miliardi di euro per 27 Stati membri.

Secondo i dati dell'Ufficio nazionale di statistica, nel primo trimestre di quest’anno il PIL è cresciuto del 4,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it