QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Elenco news

L´afflusso di rimesse dagli emigrati serbi verso la madre patria dovrebbe aver raggiunto nel 2011 l´ammontare di circa 5,5 miliardi di dollari, secondo quando affermato nei giorni scorsi dal Vice Ministro per la Diaspora, Dordo Prstojevic.


Solo il 21% dei rispondenti a un sondaggio dell’Istituto Affari Pubblici (IVO) pensa che la Slovacchia è sulla strada giusta, mentre il 74% di loro sono insoddisfatti della direzione in cui il Paese sta andando.



Secondo una ricerca condotta dall’Istituto per gli Affari Pubblici (IVO), gli slovacchi sono sempre più insoddisfatti, e se quasi la metà degli intervistati (49%) in un sondaggio risultano orgogliosi dei successi della Slovacchia nei diciannove anni della sua esistenza come Stato indipendente, questa quota è però in calo rispetto al sondaggio di fine 2010, quando il 66% dei cittadini si dichiarava contento. Gli insoddisfatti, d’altro canto, sono cresciuti dal 26 al 46%. Per trovare una maggior quota di persone che davano un giudizio positivo tra i cittadini slovacchi si deve tornare al 2008, quando il Paese era guidato dal Governo di Robert Fico, con un 77% degli intervistati soddisfatti, mentre l’attuale quota di soddisfazione del 49% porta il Paese indietro al 2003, prima dell’entrata nell’Unione Europea.

Secondo i dati preliminari del censimento 2011, la popolazione albanese è in calo del 7,7 per cento rispetto a dieci anni fa: alla base del calo demografico, gli effetti dell´emigrazione e la diminuzione dei tassi di fertilità, sottolinea il report pubblicato dall´Istituto Nazionale di Statistica.

Sempre in frenata il settore immobiliare, e' quanto emerge dai dati Istat. Nel secondo trimestre 2011 le compravendite di unita' immobiliari (219.905 in totale) sono diminuite del 3,2% rispetto allo stesso periodo del 2010. 

Il mercato immobiliare italiano risente dei contraccolpi della crisi di mercato: le compravendite sono diminuite quasi del 7%, e i prezzi hanno subito una contrazione del 5-6%.

Il Central Bureau of Statistics ha riportato nei giorni scorsi  la notizia che in Israele sono 78.000 le nuove abitazioni in costruzione - dato registrato alla fine di settembre 2011; nel periodo Gennaio-Settembre 2011 sono state completate 32.400 nuove costruzioni - di queste il 32 per cento sono state case mono o bi-familiari,  il 12 per cento in più rispetto al corrispondente periodo del 2010, scrive Focusmo.


Una delle realtà italiane più importanti nel settore immobiliare di Budapest, Gestim Real Estate Hungary, ha avviato un progetto ambizioso, The Rippl Estate of Art, ricavando una serie di appartamenti di pregio in una delle zone più belle e famose della capitale ungherese. Ne abbiamo parlato con Marco Novali di Gestim Hungary, visitando in anteprima uno degli appartamenti di The Rippl.

"Nel periodo 2001-2010 i provvedimenti di sfratto emessi per morosità sono più che raddoppiati. Se nel 2001 il loro numero aveva sfiorato le 27.000 unità (precisamente 26.937), nel 2010 hanno superato quota 56.000 (esattamente 56.147), registrando, in questo periodo di tempo, un incremento del +108,4%. 

Il barometro CRIF sulla domanda di mutui da parte delle famiglie continua a segnalare una forte decrescita. Ad ottobre 2011 prosegue il percorso di contrazione, registrando un -33%, dato che conferma l’andamento di un semestre in cui la decrescita è risultata sistematicamente in doppia cifra

Giù le vendite di case nelle metropoli nel secondo trimestre del 2011, anche se la diminuzione del 2,8% delle compravendite è più contenuta rispetto al dato registrano a livello nazionale (-6,6%). Lo rileva l'Osservatorio sul mercato immobiliare dell'Agenzia del Territorio.

 




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it