QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Giù le vendite di case nelle metropoli nel secondo trimestre del 2011, anche se la diminuzione del 2,8% delle compravendite è più contenuta rispetto al dato registrano a livello nazionale (-6,6%). Lo rileva l'Osservatorio sul mercato immobiliare dell'Agenzia del Territorio.

 

Tra le grandi città, perdite peggiori si registrano in questo trimestre a Palermo (-8,5%), Napoli (-7,5%) e Roma (-7,3%); più contenuto risulta il calo a Bologna (-1,2%). In controtendenza risultano le compravendite delle abitazioni nelle città di Milano, +2,9%, Genova, +2,7%, Torino, +1,5% e Firenze con +0,9%.
Anche nelle rispettive province il secondo trimestre del 2011 segna diminuzioni ovunque ad eccezione della provincia di Genova che segna un deciso rialzo, +7,1%, anche migliore di quello del capoluogo. Forti diminuzioni delle compravendite si rilevano per i comuni delle province di Napoli, -12,5%, e di Firenze, -12,1%; meno gravi le perdite risultano nelle province di Palermo e Bologna, dove comunque superano il -5%.
La decisa flessione a livello nazionale quindi deve essere imputata principalmente al calo nei comuni minori (-7,5%), mentre i capoluoghi perdono il 4,6%.
Nelle diverse macro aree la situazione del secondo trimestre si presenta per il mercato delle abitazioni ovunque negativa, con il calo più sostenuto nei comuni non capoluoghi del Sud (-10,9%). Il dato negativo di questo trimestre per i capoluoghi del Nord (-2,0%) pone fine, dopo 5 trimestri, alla serie di tassi positivi registrati dal primo trimestre 2010.
Al Centro ed al Sud i capoluoghi registrano un calo delle compravendite del -7,3% e del -6,2% rispettivamente. In tutte le macro aree i cali dei comuni non capoluoghi sono di entità maggiore rispetto alle perdite dei capoluoghi.
Il mercato residenziale nei comuni minori, dopo un 2009 con flessioni in continua attenuazione, cresce invece a partire dal primo trimestre 2010, ma dal terzo trimestre 2010 mostra nuovamente variazioni tendenziali negative, seppure a livelli meno intensi del 2009, che sono ribadite nell`ultimo trimestre con un -7,5%. Complessivamente, rispetto all`omologo trimestre del 2004, il mercato residenziale nei capoluoghi si è contratto del -26,4% circa, con una punta negativa nelle città del Nord pari a -29,4%. Risulta maggiore la perdita dal 2004 per il mercato residenziale dei comuni minori, -28,6% circa, con i comuni del Centro che hanno perso il 30,5%.


ADUC



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it