QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Salgono nel terzo trimestre del 2009 le famiglie in sofferenza per il pagamento del mutuo per la casa.

Secondo i dati della Banca d'Italia contenuti nel rapporto dedicato al comparto immobiliare il flusso di nuove sofferenze rettificate in rapporto alla consistenza dei prestiti (e al metto dei fattori stagionali) ha raggiunto quota 1,5% per le famiglie consumatrici, a fronte dello 0,9% dello stesso periodo del 2008.

L'andamento deriva dal generale peggioramento della qualita' del credito innescatosi a meta' del 2008 con l'aggravarsi della crisi economica. Per l'istituto centrale le recenti analisi sulla situazione fra il 2004 e il 2007 mostrano come la 'probabilita' di ingresso in sofferenza e' piu' elevata per i contratti a tasso variabile' specie se contratti nel 2005 quando i tassi erano bassi. Le categorie piu' a rischio sono i giovani, i residenti al Sud e gli immigrati extracomunitari.

Ancora piu' grave la situazione per le imprese di costruzioni dove il flusso di nuove sofferenze e' pari al 4,1% contro il 2,2 del 2008 toccando il valore piu' alto dal 2000. Tale livello, nota comunque la Banca d'Italia, 'rimane ampiamente inferiore ai valori prossimi o superiori al 10% della seconda meta' degli anni novanta in corrispondenza con una prolungata stagnazione dei prezzi reali degli immobili.



 

Fonte: www.aduc.it




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it