QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Thu14Aug201410:00
USA/Il 41,4% degli studenti invia mail e sms mentre guida
Secondo il Center for Disease Control and Prevention (Cdc) - l'agenzia federale preposta alla salute pubblica nazionale che ogni due anni conduce sondaggi sul comportamento degli adolescenti - il 41,4% degli studenti delle scuole superiori negli Stati Uniti ha dichiarato di aver mandato sms o email mentre erano al volante nei 30 giorni precedenti il sondaggio.
È la prima volta che una domanda del genere viene inclusa nella ricerca, che ha coinvolto oltre 13.000 studenti. Il dato va in controtendenza rispetto ad altri "vizi" che sembrano invece in calo presso la popolazione più giovane. A confronto con il 2011, ci sono meno risse a scuola, un uso meno intenso di alcol (dal 38,7% del 2011 al 34,9% del 2013) e droghe pesanti (in calo eroina, cocaina ed ecstasy), mentre rimane stabile la marijuana. Aumenta leggermente la percentuale di studenti sovrappeso: sono circa il 13,7% i liceali obesi, rispetto al 13% di due anni fa.  Meno studenti fumano sigarette con tabacco (dal 18,1% del 2011 al 15,7% del 2013), ma è aumentato l'uso di quelle elettroniche (dal 4,7% al 10%), anche a causa della pubblicità su questo prodotto. "I ragazzini non dovrebbero essere esposti a reclami che glorificano l'uso della nicotina", ha detto il Tom Frieden, direttore del Cdc. Gli studenti americani continuano ad essere piuttosto attivi sessualmente, con il 46,8% che dichiara di aver avuto un rapporto completo (appena 0,6% in meno rispetto al 2011). L'uso del preservativo è calato leggermente passando dal 60,2% del 2011 al 59,1%, ma è notevole la crescita dal 46,2% del 1991. Non sorprenderà molti il dato circa l'uso del computer. A livello nazionale il 41,3% dichiara di essersi intrattenuto con videogiochi o aver utilizzato un computer per almeno tre ore al giorno per qualcosa che non fosse legato alla scuola. Un aumento costante rispetto agli anni precedenti: era il 31,1% nel 2011 e il 24,9% nel 2009. "È un sacco di tempo inattivo, e ciò desta preoccupazione", ha commentato Frieden.


ADUC