QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Le banche in Romania sono state duramente colpite dalla crisi finanziaria degli ultimi 2 anni dopo che avevano registrato crescenti profitti fino al 2008, quando queste avevano raggiunto complessivamente utili di 1 miliardo di euro.
Il top delle banche secondo gli attivi, vede nella prima posizione la BCR, parte dell´austriaca Erste Group, che continua ad essere la più grande banca romena, con 63 miliardi di lei (circa 14,8 miliardi di euro), scrive l´ICE.

L´aumento dei crediti in sofferenza, che hanno toccato il 17 per cento del totale crediti della banca alla fine di settembre, ha portato alla crescita degli accantonamenti e contemporaneamente alla diminuzione degli utili. Il profitto netto registrato a nove mesi (calcolato secondo gli standard di contabilità romena) è stato di 74 milioni di lei (circa 17,4 milioni di euro), portando la BCR alla 5 posizione nella graduatoria delle banche secondo gli utili registrati.
La BRD, filiale del gruppo francese Societé Generale, è la seconda banca secondo gli attivi, con 47 miliardi di lei (circa 11,0 miliardi di euro) e mantiene il primo posto nella classifica secondo gli utili netti con 474 milioni di lei (111,3 milioni di euro circa), lasciando indietro di molto le altre banche. Il portafoglio più equilibrato e la gestione dei rischi più cauta rispetto alle altre banche ha avuto un riscontro nel basso livello degli accantonamenti e nel conseguente livello dell´utile.
Raiffeisen Bank occupa la seconda posizione nella graduatoria degli utili, come successo nel 2009, con 190 milioni di lei (circa. 44,8 milioni di euro) ma solo la settima posizione come attivi.

La prima banca italiana presente nella classifica secondo gli attivi è UniCredit , che occupa la quinta posizione. L´utile registrato nei primi 9 mesi del 2010 è stato però molto basso, di solo 4 milioni di lei (circa 0,9 milioni di euro), a causa degli accantonamenti costituiti nel terzo trimestre. La banca Unicredit-Tiriac conta su una ripresa dei risultati nell´ultimo trimestre del 2010, dovuta all´aumento del 13 per cento del saldo dei crediti nei primi 9 mesi dell’anno, molto sopra la media del mercato.

La pressione dovuta alla crisi economica ha causato perdite per molti istituti bancari: l´austriaca Volksbank, che si è concentrata negli ultimi anni sui crediti immobiliari, ha registrato perdite record di oltre 100 milioni di euro nei primi nove mesi di quest´anno. La banca scende anche nella classifica secondo gli attivi arrivando alla sesta posizione (dalla terza posizione nel 2008).



Marcello Berlich - by ICE.GOV.IT



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it