QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Tue08Oct200214:02
Al via il piano antiusura del Campidoglio
Sarà un tavolo permanente tra le principali banche di Roma e le maggiori associazioni degli operatori economici a valutare le iniziative tecniche utili ad arginare il fenomeno dell'usura. Lo ha annunciato il sindaco Walter Veltroni e il consulente speciale del Comune per questo tema, Tano Grasso. Nove le banche coinvolte, tra le quali anche la BCC di Roma , che hanno raccolto l'invito a collaborare, promettendo di vigilare sull'affidabilità dei propri funzionari e di creare nuove figure, i referenti centrali, per seguire da vicino i “casi difficili”. Il primo compito del tavolo di lavoro sarà la definizione a livello locale di un protocollo di intesa tra mondo bancario e imprenditoriale, sul modello di quello sottoscritto su base nazionale dallo stesso Grasso (allora commissario antiracket), dall'Abi e dal coordinamento Confidi. E sarà proprio il potenziamento dei Confidi uno dei primi grandi investimenti necessari per sradicare il fenomeno: “Si tratta di esperienze molto forti al Nord – ha denunciato Grasso – ma decisamente inadeguate in regioni quali la Campania, la Sicilia e lo stesso Lazio”.

Sull'opportunità di potenziare la rete dei Confidi si è visto d'accordo anche Enrico Granata, direttore centrale dell'Abi: “Le banche – ha dichiarato – hanno tutto l'interesse a che il ruolo dei Confidi sia sempre più forte, perché esercitano un'importante funzione di selezione e di verifica degli operatori che accedono al sistema bancario”.

Nel quadro delle iniziative programmate nell'ambito del Piano sociale contro l'usura sono stati annunciati l'avvio di corsi di educazione all'uso responsabile del denaro nelle scuole e la prossima apertura di uno speciale sportello di aiuto nel decimo municipio di Roma, una struttura di servizio sperimentale – da estendere successivamente ad altre zone della città – dove volontari con specifiche competenze (avvocati, commercialisti, psicologi, esperti bancari) offriranno informazioni e consulenza ad hoc (fonte CreditoCooperativo.it).