QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Wed16May201211:15
Ungheria, cresce il consumo di palinka


Secondo i dati rilasciati dai funzionari del Fisco nazionale ungherese, la pálinka si conferma la regina dei liquori ungheresi anche per l’anno solare 2011. I produttori e distributori del pregiato liquore, fiore all’occhiello della cultura alimentare ungherese, hanno visto crescere il consumo di pálinka all’interno del paese di circa il 16% rispetto al 2010.
Secondo Károly Szabó, generale di brigata, le 72 distillerie commerciali ungherese hanno fruttato allo stato ungherese circa 2.370 milioni di fiorini come accise sulla pálinka, incrementando notevolmente gli introiti pubblici rispetto all’anno precedente.

La pálinka è una bevanda alcolica tradizionale dell'Ungheria, che si ottiene da diversi tipi di frutti, come la prugna, la pera, l'albicocca o la pesca, ma può essere ottenuta anche dalla mela, dalla ciliegia, dai frutti di bosco o dalle mele cotogne.

Dal 1° luglio 2002 il nome Palinka è protetto dall'Unione Europea e può essere ufficialmente attribuito solo ai liquori provenienti al 100% da frutta o erbe autoctone coltivate nel bacino dei Carpazi ungheresi e senza additivi artificiali, aventi una gradazione alcolica tra il 37,5% e 86%.


Fonte: www.economia.hu