QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Secondo un report di Lider Media, recentemente pubbicato online, tra le 500 più importanti società croate quella che ha assunto più dipendenti nel 2017 è stata Electus DGS d.o.o., con 1.189 assunzioni.

Gli investitori da Ekaterinburg pianificano di creare un società farmaceutica nella regione di Celyabinsk, informa l'ICE.

Il produttore austriaco di sensori e chip Ams, con sede centrale vicino a Graz, ha registrato nel 2017 un aumento del fatturato del 93% rispetto al 2016 raggiungendo 1,06 miliardi di euro, scrive l'ICE.

La tedesca ContiTech, parte del gruppo Continental, ha inaugurato un’espansione da 6 miliardi di fiorini (quasi 20 mln euro) presso la sua fabbrica a Nyíregyháza, in Ungheria nord-orientale.

L’annuncio del presidente americano Trump di introdurre dazi sui pannelli solari e le lavatrici potrebbe avere ripercussioni, fra le imprese slovene, soprattutto sulla Gorenje (produzione di elettrodomestici).

GE Hungary ha firmato un contratto da 792,8 milioni di euro per la fornitura di turbine ai due nuovi blocchi della centrale nucleare di Paks, in Ungheria, informa Economia.hu.

I principali settori dell’industria automotive ceca hanno continuato a crescere anche nel 2017. Lo indicano i dati sulla produzione diffusi dall’Associazione dell’Industria Automotive Ceca (AutoSap).

La tedesca B.Braun Medical ha avviato l’espansione del suo impianto di macchinari e strumenti medicali a Gyöngyös, in Ungheria, scrive Economia.hu.

“Noviy svet”, una delle aziende più antiche della Crimea, ha venduto il 100% delle sue azioni e nove terreni alla compagnia “Yuzhniy proekt”, filiale della banca “Rossia”, scrive l'ICE.

L'aeroporto internazionale di Tuzla, oltre che in termini di numero di passeggeri, sta mostrando buoni risultati anche sul fronte delle entrate economiche: secondo il business plan relativo all'anno appena iniziato, si prevede una crescita di oltre 1 milione di BAM (marchi: 1 marco = 0,50 euro circa), informa Sarajevo Times.

Stando a quanto dichiarato dal primo ministro Andrej Plenkovic a margine del recente meeting di Davos, sarebbero numerose le compagnie interessate a investire in Croazia.




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it