QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Sviluppare e rafforzare la collaborazione economica tra il Friuli Venezia Giulia e la Turchia: questo l’obiettivo del progetto “Friuli Venezia Giulia – Turchia: un ponte per l’Europa”, realizzato e presentato giovedì 23 marzo scorso a Trieste dalla locale Camera di Commercio in collaborazione con le Camere di Gorizia, Pordenone e Udine, finanziato dalla Regione.

Alla presentazione hanno partecipato gli assessori regionali alle Attività produttive, Enrico Pertossi, alle Relazioni internazionali, Franco Iacop, e il presidente camerale Antonio Paletti. Quest’ultimo ha rilevato che “il progetto è rivolto a tutte le Pmi del Friuli Venezia Giulia che abbiano o intendano avviare rapporti economici con aziende ed enti turchi”.

Il progetto prevede una serie di azioni per informare, assistere ed accompagnare le piccole e medie imprese della regione nell’approccio e nello sviluppo delle proprie attività sul mercato turco. In particolare, sono previste azioni di informazione (organizzazione di convegni e seminari tematici sul territorio e la realizzazione di una newsletter informatica), assistenza personalizzata (a imprese o gruppi di imprese), promozione dell’immagine della regione e dell’eccellenza del suo sistema economico e logistico, accompagnamento sul mercato turco (attraverso l’organizzazione di una missione imprenditoriale prevista per il mese di settembre).

La scelta di realizzare un progetto di collaborazione con la Turchia nasce soprattutto dalle grandi potenzialità di sviluppo del mercato turco e dalla volontà di incrementare i rapporti economici, già ottimi, tra il Friuli Venezia Giulia e la Turchia. Con una popolazione di 70 milioni di abitanti, una capacità di esportazione di circa 73 miliardi di dollari nel 2005 ed una posizione geografica strategica di crocevia tra Occidente ed Oriente, l’economia turca rappresenta al tempo stesso un mercato destinazione di beni durevoli e di consumo, una base produttiva con numerosi vantaggi anche in termini di costi di produzione, una base commerciale per l’intera Asia centrale.

Inoltre, le più recenti statistiche indicano che le esportazioni delle regioni italiane verso la Turchia sono aumentate nel 2005 del 4% (1,9% solo nel Nord-Est): un valore positivo in controtendenza con i risultati purtroppo non altrettanto positivi dell’export italiano verso gli altri mercati. Il recente avvio dei negoziati per l’adesione all’Ue rappresenta un ulteriore elemento che fa prospettare un notevole incremento della collaborazione e dell’interscambio economico. I prossimi appuntamenti in programma sono tre incontri informativi settoriali per legno arredo, meccanica e ambiente, nei mesi di aprile e maggio.

A giugno sarà presente in regione una delegazione di giornalisti dei più importanti quotidiani turchi, con l’obiettivo di promuovere il Friuli Venezia Giulia e di rafforzare la sua immagine economica e culturale nella già ottima percezione dell’Italia da parte dell’opinione pubblica e degli attori economici turchi. In vista della missione di settembre, in questi mesi verranno organizzati poi incontri personalizzati rivolti alle imprese per delineare le strategie più efficaci per affrontare il mercato turco, nonché per richiedere informazioni specifiche sugli attori e sulle opportunità nei settori di interesse.

Rif. CdC Trieste, Ufficio Stampa, Andrea Bulgarelli, tel. 040 6701111, e-mail This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it