QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Il Bloomberg Retail Purchasing Managers Index (PMI) evidenzia una diminuzione delle vendite al dettaglio per l'area dell'euro. Il Bloomberg Retail PMI, un barometro autorevole del settore al dettaglio nella Zona dell'euro, è diminuito di un punto e mezzo in agosto, scendendo a 49,7 dal 51,2 di luglio. I valori dell'indice superiori a 50,0 indicano un aumento delle vendite nel mese, quelli inferiori una diminuzione.

    L'aumento mensile delle vendite in Germania è stato controbilanciato da una caduta marginale delle vendite in Francia e da una diminuzione più marcata in Italia. A detta dei rivenditori, la diminuzione delle vendite è imputabile all'agguerrita concorrenza, alla scarsa fiducia dei consumatori ed alla riluttanza a spendere.


    I risultati evidenziano solamente una lieve diminuzione nella Zona dell'euro nelle vendite per tipologia rispetto all'anno precedente, nonostante una diminuzione più marcata nelle vendite annue, come risulta da un valore dell'indice di 49,0 (aumentato rispetto al 48,8 di luglio). Anche in Germania si evidenzia un calo delle vendite annue, nonostante l'indice sia salito a 48,8 dal 45,0 di luglio, il che indica un miglioramento a livello di percentuale di diminuzione. La Francia, dal canto suo, ha fatto registrare un aumento significativo delle vendite annue, con l'indice salito a 54,8.


    Mediamente in agosto le vendite effettive non hanno raggiunto gli obiettivi dei rivenditori. Il settore alimenti e bevande ha evidenziato la diminuzione più accentuata, mentre quello dell'abbigliamento e calzature è stato l'unico ad aver raggiunto gli obiettivi. Inoltre i rivenditori si sono mostrati pessimisti anche per quanto riguarda il probabile andamento delle vendite a settembre.


    I risultati odierni escono in concomitanza con la pubblicazione del Bloomberg Retail Purchasing Managers Index (PMI), un nuovo indicatore delle condizioni economiche del settore della vendita al dettaglio nella Zona dell'euro. Si tratta del primo indicatore di questo tipo in Europa, finalizzato a fornire alle aziende, alle pubbliche amministrazioni, alle banche centrali, agli economisti ed agli analisti i dati più accurati ed aggiornati sul settore suddetto nella Zona dell'euro.


    Il Bloomberg Retail PMI, compilato da NTC Research Ltd, si basa su domande poste ad oltre 1.000 funzionari del settore in Germania, Francia e Italia, paesi che rappresentano circa il 75 % del totale delle vendite al dettaglio nella Zona dell'euro. I dati nazionali vengono ponderati sulla base del contributo dei singoli paesi al totale delle vendite al dettaglio nella Zona dell'euro e formano il Bloomberg Eurozone Retail PMI.


    L'indice tiene sotto osservazione i cambiamenti a livello di vendite al dettaglio, i risultati ottenuti rispetto agli obiettivi di vendita prefissati, le scorte, i prezzi, i dati occupazionali ed altri indicatori chiave. I dati verranno pubblicati all'incirca un mese prima dei dati governativi ufficiali.


    Tra gli altri risultati figurano il calo per il quarto mese consecutivo nell'acquisto di prodotti da rivendere al dettaglio nei tre paesi osservati. Anche le scorte sono diminuite per il terzo mese consecutivo dato che i rivenditori hanno razionalizzato il magazzino.


    Gli aumenti dei prezzi delle materie prime sono stati indicati quale motivo principale della spirale dei prezzi d'acquisto. Abbinato ad un'agguerrita concorrenza, questo aspetto ha ridotto ulteriormente i margini dei rivenditori che hanno fatto registrare una marcata caduta in tutta la regione.


    A seguito di questi risultati piatti o negativi, i livelli occupazionali nella Zona dell'euro sono diminuiti ancora in agosto. L'indice è sceso dal 47,4 di luglio a 46,6, indicando un incremento delle perdite del posto di lavoro. Tutti e tre i paesi hanno dichiarato una riduzione dell'occupazione, più accentuata in Germania.


    L'indice Bloomberg Retail PMI verrà  pubblicato dapprima sul servizio BLOOMBERG PROFESSIONAL(R) alle 09.00 GMT e sarà  seguà¬to da un comunicato stampa generale e dall'analisi sulla Bloomberg Television a partire dalle 10.00 GMT alle date seguenti:


   

    - dati di settembre:  6 ottobre 2004

    - dati di ottobre:    8 novembre 2004

    - dati di novembre:   6 dicembre 2004
Computerworld



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it