QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Un'indagine Istat rileva alcuni miglioramenti ma l'approccio rimane ancora difficile.

Secondo una recente indagine Istat, strumenti quali l'e-mail e la rete Internet sono diffusi in almeno tre imprese su quattro, mentre quasi la meta' e' provvista di un sito web (47,3%). Scarsa, inoltre, risulta la diffusione delle reti chiuse quali Intranet (29,1%) ed Extranet (13,9%). Le imprese informatizzate con Internet privilegiano ancora il modem (39,5%) e una connessione ISDN (58,9%), ma in alcuni settori emerge la scelta per modalita' di accesso piu' veloci del tipo xDSL che si attesta al 18,0% per il complesso dei settori considerati.


Dall'indagine emerge che le imprese valutano che nell'utilizzo di Internet ci siano molteplici ostacoli da superare di tipo normativo, organizzativo, informativo e di sicurezza: il 54,6% delle imprese informatizzate percepisce la sicurezza informatica come l'ostacolo maggiore all'utilizzo di Internet e piu' della meta' considera come ostacoli al commercio elettronico la sicurezza dei pagamenti e l'incertezza del quadro legale di riferimento (normativa contrattuale, termini di consegna, garanzie, controversie). In generale, le aziende italiane utilizzano Internet soprattutto per ottenere servizi finanziari e per ricercare informazioni utili all'analisi del mercato e solo in minima parte per effettuare transazioni on line.


Nell'anno 2001 l'8% circa delle imprese ha effettuato acquisti on line per un valore complessivo pari al 3,8% degli acquisti totali. Inoltre la concentrazione degli acquisti on line e' elevata: tra le imprese che effettuano acquisti elettronici, quelle che usano esclusivamente Internet sono la grande maggioranza (87,0%), ma il valore coperto e' basso, pari al 9,4% del totale degli acquisti on line; al contrario, sebbene solo il 10,3% delle imprese che effettuano acquisti on line utilizzi tecnologie EDI, il valore coperto e' molto alto, pari al 90,5% di quello on line. Analogamente agli acquisti on line, anche in questo caso la maggior parte delle imprese (75,5%) ha venduto solo tramite la rete Internet, ma lo ha fatto per una quota in valore bassa (12,0%) rispetto all'87,9% che rappresenta la quota di venduto via EDI dal 21,1% di imprese che effettuano vendite on line.


Quanto ai rapporti tra banche e imprese che si realizzano tramite Internet, a gennaio del 2002 quasi 1 impresa su 2 ha utilizzato servizi bancari informativi offerti sulla rete relativi ai conti correnti e poco meno della meta' delle imprese si e' avvalsa dei servizi di natura dispositiva (pagamenti, incassi, bonifici, ecc.). Infine, circa il 53% delle imprese utilizza la rete anche per usufruire dei servizi informativi offerti sui siti web dalla Pubblica Amministrazione e in particolare per avere informazioni su norme, regolamenti e circolari, mentre solo l'11,8% delle imprese utilizza i servizi di pagamento on line offerti dalla P.A.


Secondo il Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie Lucio Stanca la fotografia che l'Istat ha scattato al mondo delle imprese italiane, per cogliere il loro utilizzo delle nuove tecnologie informatiche ed in particolare di Internet, e' superata in quanto risale a ben due anni fa, come e' espressamente dichiarato. In realta', sostiene il Ministro, la situazione nel nostro Paese e' migliorata, anche se di strada da compiere ce n'e' ancora parecchia.


Secondo Stanca, proprio grazie all'azione del Governo sul fronte della innovazione tecnologica e alle specifiche iniziative promozionali e infrastrutturali, come quelle per la banda larga e i distretti industriali, a livello nazionale e' maturata una diffusa presa di coscienza delle reali potenzialita' e, soprattutto, delle molte convenienze e delle utilita' che l'uso di queste tecnologie comporta, sia per le famiglie, i cui accessi lo scorso anno sono aumentati del 20%, sia per le imprese, soprattutto quelle medio-piccole, non solo in termini di prodotti ma anche di processi, fino al punto di elevarne la competitivita' e migliorare il profilo organizzativo e dei costi.

bancaditeramo.it, www.studiocelentano.it



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it