QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Thu20Oct201610:56
#Slovenia, problemi burocratici per #porto di #Capodistria #LukaKoper

La stampa riporta le difficoltà per il prolungamento del primo molo del porto di Capodistria, cruciale per l’ulteriore sviluppo dello scalo, scrive l'ICE.



Sebbene l'opera sia prevista nel piano regolatore del porto, approvato cinque anni fa, l’azienda portuale non ha ottenuto ancora il nulla-osta ambientale a causa della posizione del Comune di Capodistria che ha chiesto di essere incluso nel relativo procedimento amministrativo.

All’origine dell’insoddisfazione dell’amministrazione comunale c'è la questione irrisolta dell’indennità per l’utilizzo dell’area portuale, ripartita fra le municipalità di Capodistria e del neo-costituito comune di Ancarano. Capodistria chiede che essa venga suddivisa in base al numero ai rispettivi abitanti (Capodistria ne ha 52.000 e Ancarano 3.300) e impatto ambientale e non in base alla superficie portuale come avviene al momento. Questo braccio di ferro potrebbe durare ancora a lungo.

Nel 2015 sono stati trasbordati sul primo molo 790.000 container, mentre, secondo le proiezioni attuali, per quest’anno se ne prevedono circa 850.000. L’infrastruttura ha una capacità per 950.000 container.