QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Fri23Dec200500:10
L'EMV fa 'traslocare' le frodi
Secondo Frost & Sullivan le frodi globali su carte raggiungeranno i 15,5 miliardi entro il 2009, rispetto agli attuali 7,9 miliardi:i 'ladri di carte' sfrutteranno le opportunità nelle regioni non
adeguate all'EMV.

emvStati Uniti  ed Australia continuano a dichiarare di non avere ancora una chiara convenienza all'abilitazione al chip della propria infrastruttura di pagamento, ma Frost & Sullivan avverte che tutto questo potrebbe cambiare. Nel corso dello scorso anno, ad esempio, le frodi su carte ATM negli USA sono cresciute come coneseguenza dell'adozione del chip sulle debit card in Canada e nei paesi neo- latini e si prevede che tale crescita coinvolgerà preso anche i terminali POS dei retailers americani.


La crescita delle frodi su carte di credito negli USA ha spintoi retailers più grandi come Best Buym Kmart e JC Penney a richiedere elementi di sicurezza aggiuntivi ai possessori, come un codice ZIP o una identificazione fotografica quando utilizzano una carta di plastica per pagare i propri acquisti. Mentre gli Stati Uniti sono l'unica area geografica a non avere ancora scelto una data per la migrazione all'EMV, il Canada ha fissato il 2010 come termine oltre il quale la responasabilità per qualsiasi transazioni criminogena ricadrà sui retailer che non avranno adottato l'EMV. Per questo motivo, le banche e gli emittenti di carte canadesi stanno attualmente cercando partenrs tecnologici che li assistano nella 'migrazione'.

In europa la Finlandia ha in emissione oltre un milione di carte EMV,e si sta preparando per una migrazione nazionale che si prevede costerà 50 milioni di euro. Il primo gennaio 2006 è il termine in cui i retailers sprovvisti di un lettore di carte EMV dovranno asumersi la reponsabilità di eventuali frodi, e i maggiori retailers cominceranno ad accettare pagamenti tramite chip cards tra il 2006 e il 2008. Al momento almeno un'azienda di software in Finandia sta offrendo una soluzione di chip-cart per  il pagamento presso terminali self-service, come il rifornimento di benzina, il che conferma come un'opportuntià di mercato sia stata effettivamente identificata.

Marcello Berlich



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it