QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Mon03Oct200500:10
Il 'pieno' con la carta
Secondo un recente sondaggio di Datamonitor ('Oil Company Credit Cards: A Review of Rates and Redemption'), i retailers nel settore dei distributori di benzina possono offrire carte di credito co-brandend con le compagnie del settore, che possono generare profitti di circa 37 euro per carta, con un ricavo annuale triplo rispetto alle carte solo bancarie.

Le carte di credito co-branded accrescono la spesa presso i benzinai in termini di numero di transazioni annuali e di una più alta frequenza, in particolar modo se vengono offerti sconti.
Sia le carte co-branded che quelle solo bancarie costano circa 30 euro all'anno, ma le co-branded offrono un ricavo annuale medio di 4400 dollari più di quattro volte rispetto alle bancarie (circa 1060 euro), e un più alto tasso di utilizzo.

Le carte di credito hanno acquistato popolarità come strumento di pagamento presso i distributori di benzina rispetto alle carte carburante o al pagamento liquido, e pesano per il 23% del carburante venduto nel mercato commerciale in europa nel corso del 2004.
La Gran Bretagna ad esempio vedrà una crescita del 12.8% annuale nel valore delle transazioni attraverso carte di credito tra il 2003 e il 2007, e datamonitor crede che le carte di credito delle compagnie petrolifere dovrebbero essere prese in cosiderazione da nazioni ad alto tasso di utilizzo di carte come Gran bretagna, Stati Uniti e gli Stati scandinavi.
I prezzi in crescita del carburante ofrono inoltre una buona opportunità per l'entrata dei retailers petroliferi nel mercato finanziario.

Le carte di credito co-branded delle aziende del settore petrolifero avranno performance migliori nei paesi dove il credit consumer è una forma popolare di pagamento. Se agli automobilisti vengono offerti sconti sul carburante o programmi - fedeltà, l'utilizzo delle carte co-branded può aumentate favorendo una realzione che porti benefici al cliente e al retailer.

Il 64% degli automobilisti sceglie il proprio distributore in base al prezzo; le carte co-branded danno agli automobilisti un nuovo incentivo ad affezionarsi al retailer per il marchio, più che per il prezzo.

Marcello Berlich