vai a portalino


 

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO

FACOLTÀ DI ECONOMIA



CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO

 

COMUNITA’ FINANZIARIE ON LINE:
I MODELLI DI BUSINESS SOSTENIBILE
NEL CONTESTO EVOLUTIVO DELLA RETE

 

 

tesi di laurea di:

Chiara TRUFFA

Relatore: Dott. Prof. SERGIO BORTOLANI
Correlatore: Dott. Prof.ssa ANNA MARIA BRUNO
Correlatore esterno: PIETRO GENTILE

 

 

Torino, 21 novembre 2001

mail to: chiaratruffa@tiscalinet.it

 

 



Capitolo 7
analisi di alcuni casi concreti
nel panorama italiano



7.1.2 YAHOO ITALIA


Ho tratto dal sito questo excursus storico sulla versione italiana del noto portale americano che riporto integralmente perché completo e di un certo interesse:
"Come succede spesso in questo campo, Yahoo! è nato da un'idea, da un hobby che è diventato a poco a poco una passione a tempo pieno e una società vera e propria. All'inizio, infatti, si trattava semplicemente di rendere la ricerca su Internet utile e piacevole. Yahoo! ha riscosso un successo immediato, e ora viene utilizzato da milioni di utenti del Web.
Con il lancio di Yahoo! Italia, Yahoo! ha esteso ulteriormente la sua offerta globale che include già, fra gli altri, Yahoo! Giappone, Yahoo! Canada, Yahoo! Germania, Yahoo! Francia e Yahoo! Gran Bretagna e Irlanda. I fondatori, David Filo e Jerry Yang, studenti e dottorandi di ingegneria elettronica all'Università di Stanford, hanno iniziato la loro guida al Web nell'aprile 1994.
All'epoca si trattava ancora di uno strumento utile ma riservato al loro uso personale, che consentiva di trovare sul Net le fonti delle informazioni di loro interesse. In breve tempo, si resero conto che i loro elenchi stavano diventando sempre più importanti e difficili da gestire. Nel 1994, trasformarono Yahoo! in una banca dati concepita come risposta alle esigenze di milioni di utenti che iniziarono ad usare il servizio. Svilupparono del software per localizzare, identificare e commentare il contenuto dei siti esistenti.

Il nome Yahoo! dovrebbe significare "Yet Another Hierarchical Officious Oracle" - cioè "Ancora un oracolo ufficioso strutturato gerarchicamente" -, ma Filo et Yang insistono sul fatto che hanno scelto questo nome perché si definiscono anche loro dei Yahoo.
All'inizio, Yahoo! era ospitato dalla postazione di lavoro di Yang, "akebono", mentre il motore di ricerca era installato sul computer di Filo, "konoshiki". Queste macchine devono il loro nome a due lottatori di sumo hawaiano che divennero due leggende del sumo. All'inizio del 1995, Marc Andreessen, co-fondatore di Netscape Communications (con sede a Mountain View, in California), propose a Filo e Yang di trasferire i loro file sui potenti server di Netscape. Improvvisamente, la rete di Stanford ritornò a un traffico normale, con grande soddisfazione generale.

Oggi, Yahoo! organizza e recensisce gerarchicamente le informazioni del Web per decine di milioni di computer collegati al Web. Il San Jose Mercury News notava recentemente che "Yahoo! è molto vicino allo spirito dell'opera di Linneo, il botanico del XVIII secolo il cui sistema di classificazione pretendeva di organizzare la natura".

Lo sviluppo di Yahoo! Europe fa seguito ai di Yahoo! Giappone e Canada. Attraverso gli staff locali, Yahoo! rinforza le proprie capacità di rispondere alle esigenze degli utenti del Web cercando delle informazioni che mettano in primo piano il loro patrimonio nazionale e linguistico."


Cliccando sull'icona Finanza dalla home page del sito Yahoo.it si accede all'area finanziaria nel quale è contenuta la community. Essa, se paragonata con la più ampia community di Yahoo.com, non ha basi per sostenere un confronto, infatti la seconda è molto più articolata e completa e possiede un numero di membri di un altro ordine di grandezza. Se però si effettua un confronto con le altre comunità finanziarie interne a portali orizzontali italiani allora tale community risulta vincitrice, e può essere presa a modello da tutti gli altri soggetti, che di comunità hanno proprio poco.


Le quotazioni sono rese disponibili da Yahoo grazie alla collaborazione con alcuni partner storici nel campo della finanza:
" Grafici storici per il mercato americano sono forniti da Commodity Systems, Inc. (CSI).
" Quotazioni e grafici storici per i mercati europei forniti da Reuters.
" Quotazioni fornite da Borsa Italiana SPA (ritardo 20 minuti).
" Quotazioni dei Fondi Comuni di Investimento fornite da Bluerating. Altre quotazioni fornite da Bourse de Paris (ritardo 15 min.), London Stock Exchange (ritardo 20 min.), Deutsche Börse AG (ritardo 15 min.), Oslo Børs (ritardo 15 min.) e Stockholms Fondbörs (ritardo 15 min.).

Le quotazioni degli altri mercati corrispondono ai prezzi di chiusura. I dati sul corso delle azioni sono esclusivamente forniti a titolo d'informazione e non allo scopo di transazione.




I servizi forniti all'interno della community di Yahoo Italia sono i seguenti:

· Clubs: si è più volte ribadito che questo servizio è un'esclusiva di Yahoo; esso ha avuto un grande successo anche nella sezione italiana del noto portale americano, è infatti presente un certo numero di clubs finanziari. Essi possono essere consultati da tutti i visitatori del sito, ma per poter parteciparvi attivamente e conversare con i membri del club online al momento della navigazione, è richiesta l'iscrizione al sito. Le sezioni dei clubs finanziari sono molte ed ognuna di esse è divisa in sotto sezioni;

· Chat: vi è una chat finanziaria intitolata "Trading Online" al quale si accede previa registrazione. In essa possono essere inseriti sia messaggi testuali che audio, e l'utente può scegliere la stanza nel quale chattare o crearne una propria.

· Forum: vi è anche un'area forum per la discussione tra i membri intitolato "affari e finanza"; le sue dimensioni sono però piuttosto ridotte rispetto allo stesso servizio fornito dal portale internazionale yahoo.com. Infatti mentre il portale americano ha un'enorme varietà di sezioni e molti messaggi in bacheca, suddivisi per argomento, nella versione italiana le sezioni sono solo quattro, ciascuna con un limitato numero di messaggi.






>> vai a Cap.7 - ANALISI DI ALCUNI CASI CONCRETI NEL PANORAMA ITALIANO
7.2 COMUNITA' FINANZIARIE VERTICALI INTERNE ALL'AMBITO BANCARIO