vai a portalino


 

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO

FACOLTÀ DI ECONOMIA



CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO

 

COMUNITA’ FINANZIARIE ON LINE:
I MODELLI DI BUSINESS SOSTENIBILE
NEL CONTESTO EVOLUTIVO DELLA RETE

 

 

tesi di laurea di:

Chiara TRUFFA

Relatore: Dott. Prof. SERGIO BORTOLANI
Correlatore: Dott. Prof.ssa ANNA MARIA BRUNO
Correlatore esterno: PIETRO GENTILE

 

 

Torino, 21 novembre 2001

mail to: chiaratruffa@tiscalinet.it

 

 



Capitolo 4
gli elementi di una financial community


4.3 - I SERVIZI OFFERTI

Ogni comunità finanziaria fornisce una serie di servizi necessari per sostenere le attività dei suoi partecipanti. Alcuni di essi sono sincroni, cioè per poter essere utilizzati necessitano che i partecipanti siano presenti nello stesso momento anche se non necessariamente nello stesso luogo; tale tipologia di servizi facilitano la comunicazione in tempo reale. Altri servizi sono di tipo asincrono in quanto per la loro usabilità non è richiesto che i partecipanti siano disponibili nello stesso momento.


I più diffusi servizi all’interno delle comunità finanziarie sono i seguenti:

1) Il sito web: le sue pagine fondamentali sono asincrone; anche se non è un vero e proprio servizio ho voluto includerlo in questo elenco perché fornisce una sede alle comunità finanziarie. Le sue pagine contengono informazioni sulla comunità, risposte alle FAQ (domande frequenti), e link ad altri siti.

2) La posta elettronica: la mailing list; un servizio di natura asincrona perché l’e-mail giunge direttamente all’utente. Aiuta la comunicazione tra individui. Gran parte dei sistemi permette di inviare allegati. Tale servizio verrà spiegato in maniera più dettagliata nelle pagine successive.

3) I newsgroup o forum di discussione: costituiscono l’evoluzione orizzontale della comunicazione. Sono una sorta di bacheca elettronica a cui chiunque può inviare i propri messaggi e leggere quelli degli altri. I newsgroup si basano sulla rete Usenet, nata nel 1979 su iniziativa di due laureati che volevano riproporre via computer lo stesso sistema di avvisi con il quale gli studenti comunicavano all’interno dell’università. La rete dei newsgroup è una struttura articolata composta da differenti server news che ad intervalli periodici si scambiano tra loro le informazioni ricevute mantenendole aggiornate. La partecipazione ad un gruppo di discussione è aperta a tutti e non occorre alcuna forma di iscrizione.

4) Le Internet relay chat: per chi opera in tempo reale le chats sono il primo livello di operatività. Il servizio è di natura sincrona perché la chat è costituita dallo scambio rapido di brevi messaggi, il risultato è una comunicazione veloce. Nate inizialmente come ambienti testuali, ora vengono sviluppate in 3D e dotati di avatar, in modo da dare ai partecipanti l’impressione della presenza.

5) I games: rappresentano il contatto tra in mondo virtuale e quello reale, la palestra per i neo investitori che cercano di mettere alla prova il proprio skill.

6) BBS, bulletin board system: sono sistemi asincroni, dove gli utenti lasciano messaggi destinati ad altri. Sono basati sulla metafora della bacheca fisica, i messaggi sono ordinati per argomento in modo che il nesso sia evidente.

7) I contenuti editoriali: rappresentano l’evoluzione elaborata della notizia di agenzia.

8) I sondaggi d’opinione: servono per poter comprendere come i membri delle comunità percepiscono la coesione del gruppo di cui fanno parte, per misurare il loro livello di partecipazione e per monitorare periodicamente i loro bisogni e aggiornare eventualmente i servizi forniti.

9) Aree di interazione tra i membri: in tali luoghi i vari utenti delle comunità finanziarie hanno la possibilità di scambiare le informazioni in modo reciproco; questi sono i primi punti di contatto botton- up.

10) Il listserver: è una delle più elementari e diffuse forme di comunicazione delle comunità; è un servizio di natura asincrona e aiuta la comunicazione con un gruppo perché, a differenza dell’e-mail che è inviata tra due soggetti o tra un soggetto e un gruppo, il listserver invia i messaggi a migliaia di utenti, facilitando l’usabilità dell’intero sistema. Per parteciparvi occorre una registrazione, al suo interno non vi è però la possibilità di rispondere ad un singolo messaggio incluso in un compendio (cioè una serie di messaggi).

11) Le Newsletters: è uno dei servizi più importanti forniti dalle comunità finanziarie; è un servizio di base fornito anche da quelle meno sviluppate

12) Gli instant messaging: è, più che un servizio che l’utente decide di utilizzare, un servizio che automaticamente viene fornito dalla comunità a tutti gli utenti che sono registrati. Nella pratica ogni qualvolta un membro registrato si collega al servizio tutti gli altri membri ne vengono informati e possono inviarsi tra loro brevi messaggi.

13) I live multimedia events: sono il punto di arrivo di una community a banda larga.


Analizziamo più a fondo alcuni tra questi servizi


LA MAILING LIST

La posta elettronica è probabilmente uno dei servizi più diffusi all’interno del world wide web, e questo grazie soprattutto alla sua semplicità d’uso e alla rapidità di trasferimento dei dati. Infatti la possibilità di poter inviare messaggi in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo del pianeta ha costituito per molte persone una vera e propria rivoluzione nel mondo della comunicazione. Uno degli usi più diffusi della posta elettronica è costituito dalle mailing list che sono indirizzi di discussione, in questo caso sugli argomenti finanziari, ai quali è possibile partecipare attivamente previa una semplice iscrizione. Ogni messaggio inviato alla lista viene automaticamente spedito a tutti gli iscritti alla lista stessa, che in questo modo ricevono nella casella postale tutti i messaggi relativi agli argomenti di loro interesse.

Vi sono tre tipologie di mailing list:
Non moderata: ogni messaggio viene inviato a ciascun iscritto.
Moderata: il proprietario della lista prima legge ogni messaggio e successivamente decide se debba essere inoltrato o meno al resto della lista.
In sola uscita: spetta unicamente al moderatore inviare messaggi alla lista.

Una caratteristica importante della mailing list è rappresentata dalla elevata sicurezza con cui è possibile proteggere il suo contenuto, infatti basta che gli utenti siano in possesso di un programma di codifica per potersi scambiare messaggi criptati decifrabili solo da chi è in possesso della chiave elettronica.

Un sistema di posta elettronica è normalmente costituito da due sottosistemi:
Lo User Agent (UA): che permette di scrivere ed inviare la posta.
Il Message Transfer Agent: che provvede all’inoltro vero e proprio della posta dal mittente al destinatario.


LE BACHECHE ELETTRONICHE

Newsgroup, BBS, conferenze, forum o aree di discussione fanno tutti parte del più generale servizio di bacheca elettronica. Anche esse, come le mailing list, ricorrono alla modalità asincrona; grazie a tale caratteristica le bacheche elettroniche possono dar vita a conversazioni e dialoghi che si possono protrarre per più giorni o addirittura settimane.

Rispetto alla mailing list, le bacheche elettroniche hanno una serie di potenzialità aggiuntive per lo sviluppo della comunità, conviene quindi introdurle all’interno della comunità per i seguenti motivi:
- Rispetto alla mailing list, le bacheche elettroniche hanno una serie di potenzialità aggiuntive per lo sviluppo della comunità, conviene quindi introdurle all’interno della comunità per i seguenti motivi:
- Le bacheche elettroniche forniscono il contesto di ogni messaggio immesso dagli utenti aiutando così a mantenere la conversazione a tema.
- Le bacheche stimolano la creazione di sottogruppi in base a specifici interessi; si pensi a tal proposito alla comunità finanziaria www.yahoo!finance.com una delle più grandi comunità finanziarie americane (vi è anche la versione italiana www.yahoo!finance.it) nel quale vi è un Newsgroup per ogni singolo titolo azionario trattato sul Nyse o sul Nasdaq, ci sono quindi circa 8000 sub community.
- Si ha la possibilità di introdurre immagini nella conversazione: elemento che rende molto più personale e dettagliato il dialogo.


i newsgroup

Un newsgroup si forma tra persone con un interesse in comune; i messaggi immessi dai vari utenti rimangono in memoria per un certo periodo di tempo poi, come accade per i giornali cartacei, le notizie invecchiano e vengono sostituite con le più fresche; la scadenza dei messaggi varia a seconda delle scelte dell’organizzatore del newsgroup. I messaggi inviati ai newsgroup non hanno un vero e proprio destinatario, sono semplicemente affissi su una bacheca virtuale che può essere letta da qualsiasi soggetto interessato all’argomento, il quale a sua volta può esprimere il suo parere. Data l’ampia diffusione di tale servizio è meglio non dilungarsi troppo nella trattazione e portare invece un esempio concreto.



Figura 4.6: esempio di newsgroup finanziari
tratti dal sito www.finanza.iol.it/newsgroup/ .


bulletin board system (BBS)

La BBS è una particolare tecnologia client/server in grado di offrire servizi di posta elettronica e conferencing ad utenti che si connettono con un client server, attraverso la rete telefonica o via Internet. Rispetto alle mailing list hanno un notevole vantaggio perché ,soprattutto con riferimento al conferencing, le BBS permettono l’instaurarsi di discussioni con un nutrito numero di partecipanti che conversano simultaneamente. Al loro interno i messaggi vengono presentati in ordine cronologico di arrivo; in genere gli archivi dei vecchi messaggi vengono conservati per alcuni mesi.

Le conferenze possono essere:
Pubbliche o private
Moderate o non moderate.

Solitamente consentono la differenziazione dei livelli di accesso in modo che alcuni partecipanti abbiano accesso di sola lettura, altri di lettura e scrittura e altri ancora alcun accesso.


LE INTERNET RELAY CHAT

E’ un servizio che consente di conversare, in modo interattivo, con una o più persone che siano collegate contemporaneamente ad un IRC server. Alla chat si può partecipare sia con un client a caratteri sia con un grafico. Ai client a caratteri si accede tramite un computer che svolge la funzione di centralina telefonica e mette in contatto fra loro le varie persone interessate alla conversazione. In ambito finanziario la comunicazione in tempo reale è fondamentale: la maggiore o minore rapidità con il quale una notizia viene divulgata tra i membri della community può influenzare in misura diversa i suoi riflessi sulle quotazioni di Borsa. Le chats, in tal contesto, sono uno strumento molto efficace perché consentono una diffusione di notizie finanziarie in un brevissimo tempo.


LE NEWSLETTERS

Il suo funzionamento è il seguente: l’utente, previa una registrazione, ha la possibilità di scegliere gli argomenti di suo specifico interesse all’interno dell’area finanziaria. Ogni comunità opera delle suddivisioni diverse per argomento; in seguito alla registrazione, la comunità finanziaria si impegna a inviare periodicamente all’indirizzo di posta elettronica dell’utente le notizie aggiornate per ogni argomento scelto. Qui di seguito porto due esempi di News letters inviate alla mia casella di posta elettronica.



Fonte: Newsletter di www.sella.it datata 2 ottobre 2001.




Fonte: www.money.net newsletter ricevuta in data 8 ottobre 2001.






>> vai a Cap.4 - Gli elementi di una Financial Community
4.4 - I codici di comportamento da adottare nelle communities