vai a portalino


 

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO

FACOLTÀ DI ECONOMIA



CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO

 

COMUNITA’ FINANZIARIE ON LINE:
I MODELLI DI BUSINESS SOSTENIBILE
NEL CONTESTO EVOLUTIVO DELLA RETE

 

 

tesi di laurea di:

Chiara TRUFFA

Relatore: Dott. Prof. SERGIO BORTOLANI
Correlatore: Dott. Prof.ssa ANNA MARIA BRUNO
Correlatore esterno: PIETRO GENTILE

 

 

Torino, 21 novembre 2001

mail to: chiaratruffa@tiscalinet.it

 

 



Capitolo 1
le comunita’ virtuali:
una realta’ presente nel mondo odierno



1.4 COMMUNITY: UNA PRIMA CLASSIFICAZIONE

1.4.1. ANALISI DAL PUNTO DI VISTA CONTENUTISTICO


In senso contenutistico, le diverse comunità possono essere suddivise al loro interno in alcune tipologie fondamentali:

a) Comunità generaliste od orizzontali: cioè comunità costituite da gruppi che si formano spontaneamente, quando i partecipanti sono accomunati occasionalmente da una affinità , comunanza che in alcuni casi può trasformarsi in un rapporto continuativo dando origine ad un senso di vicinanza ed appartenenza.
Questa tipologia, proprio come dice il nome, è la più generica in quanto al suo interno si possono trovare gruppi di discussione, gioco, socializzazione ed informazione sugli argomenti più strani.


Vediamo un esempio concreto: Lycos.it, uno dei principali portali generalisti diffuso al livello internazionale, ha istituito al suo interno a pieno titolo una community che fornisce numerosi servizi tra i quali forum e chat sugli argomenti più vari partendo dai motori ed arrivando alle nuove tecnologie.


b) Comunità verticali o tematiche: cioè comunità più specialistiche; tale categoria al suo interno può essere ulteriormente suddivisa in:
- comunità di dibattito e discussione in tempo reale;
- comunità tematiche di socialità, ricerca o svago;
- comunità di azione ed organizzazione istituzionale, politica e sociale, dedicate alla promozione ideologica, organizzativa o di servizio, di amministrazioni pubbliche, movimenti e parti politiche, sociali o culturali;
- comunità finalizzate in maniera indiretta alla commercializzazione e alla vendita.

Tale argomento, e più in particolare la specializzazione delle communities nell’ambito finance sarà trattato più approfonditamente nei capitoli 3 e successivi.
Un esempio di comunità verticale è 24orebusinesscom.


E’ una community che il Sole 24 ORE ha dedicato alle imprese, per aiutarle a crescere e renderle così più competitive.

24OreBusiness ha una mission ben precisa e intende fornire alle imprese un ampia gamma di servizi che permetterà loro di:
- accedere a servizi specializzati a seconda della funzione aziendale o del settore di attività in cui operano;
- aumentare le opportunità di business con le altre aziende partecipando al marketplace attivato sul sito, che consentirà lo scambio di beni, servizi, informazioni e risorse;
- confrontarsi con le altre realtà imprenditoriali tramite la stessa comunità virtuale, tra imprese appartenenti allo stesso settore ed aventi i medesimi interessi economici.





>> vai a Cap.1 - le comunità virtuali: una realtà presente nel mondo odierno
Community: una prima classificazione
1.4.2 - Analisi della tipologia strutturale adottata