vai a portalino


 

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

FACOLTÀ DI ECONOMIA

CORSO DI LAUREA IN
ECONOMIA E COMMERCIO

 

LE TECNOLOGIE DI COMUNICAZIONE
E IL TRADING ON LINE:

IL CASO FIN-ECO S.I.M.

 

 

tesi di laurea di:

Marco Plebani (matr. 029574)

relatore: Chiar.mo Prof. Ottorino Ferrata
Correlatore: dott. Marco Paiola

 

 

Brescia, 13 luglio 2001

mail to: marco.plebani@libero.it

 

 





Indice

INTRODUZIONE

 

I. Le tecnologie di supporto al trading on line


1 - Il ruolo delle tecnologie nel trading on line


2 - La diffusione di PC nel mondo e in Italia

3 - Il canale di comunicazione: Internet
3.1 Nascita e breve storia di Internet
3.2 Come funziona Internet
3.3 La diffusione di Internet
3.3.1 La posizione italiana
3.4 Le tecnologie di connessione
3.5 I costi di connessione

4.- Un nuovo strumento per i traders: il telefono cellulare


II. Le origini e l'espansione del trading on line

1. Un fenomeno di matrice statunitense
2. Analisi di alcuni competitors statunitensi
2.1 Charles Schwab
2.2 E*Trade
2.3 Datek Online
3. Il futuro della finanza on line statunitense
4. Le ECN (Electronic communications network)
5. A che punto è l'Europa


III. Alcuni temi di fondo

1. Il trading on line e le istituzioni finanziarie
1.1 Perchè investire nel trading on line e opportunità conseguenti
1.2 Le diverse strategie
2. La tecnologia come variabile di successo nell'offerta del T.O.L.
3. Il valore dell'informazione nei servizi di T.O.L.
4. Il trading on line dal lato dell'utenza
4.1 I pregi del trading on line. Confronto con lo sportello bancario
4.2 Categorie di utenti e servizi richiesti


IV. Lo stato attuale del trading on line in Italia

1. Le cause del successo in Italia: quanto hanno inciso i "titoli Internet"?
2. Alcune cifre del fenomeno del T.O.L.. Il posizionamento dei fornitori
2.1 Il mercato del T.O.L.. Clienti e fornitori
2.2 Le strategie d'ingresso e di posizionamento dei fornitori sul mercato: l'analisi di KPMG Consulting
2.3 Autonomia ed integrazione dei fornitori di T.O.L.
2.4 Fornitura diretta, partnership ed outsourcing nei servizi di trading
3. Alcuni fenomeni collegati all'esplosione del T.O.L.
3.1 Siti e portali dedicati alla finanza ed ai traders
3.2 I Newsgroup, le Mailing List e i Forum on line
4. I mercati complementari a quello ufficiale
4.1 Un primo esempio di ECN italiana: il mercato TLX di Unicredito
4.2 Il Trading After Hours (TAH)


V. Fineco Online, il servizio di trading del gruppo BIPOP-CARIRE

1. Il gruppo Bipop-Carire: storia, strategie e risultati economici
1.1 Dalla provincia di Brescia all'Europa Continentale
1.2 La strategia di sviluppo del gruppo
1.3 Conformazione odierna del gruppo
2. Fineco Online: un piano evolutivo ben definito
2.1 Lo sviluppo delle piattaforme di trading
2.2 L'ampliamento e l'innovazione dei servizi
2.3 Le condizioni per il cliente: costi d'accesso, commissioni e tassi d'interesse
3. L'espansione di Fineco Online nel mercato del trading italiano
4. Da fornitore di servizi di trading "puro" a Banca Fineco
4.1 Dal punto di vista sostanziale
4.2 Dal punto di vista giuridico/societario
5. L'espansione verso i mercati Europei tramite acquisizioni
6. Le strategie riconoscibili nell'operato di Fineco Online



VI. Il servizio Fineco Online: un'esperienza diretta

1. Perché sono diventato un "trader online"
1.1 PC, Internet, Finanza e velocità
1.2 Agli albori del trading online in Italia
2. Come sono diventato cliente Fineco Online
2.1 Modalità e tempi d'accesso al servizio
2.2 I primi problemi e loro risoluzione
2.3 Una prima presa di conoscenza del sistema
3. Trascorre un'estate (1999): problemi ed innovazioni
4. L'evoluzione del servizio in presa diretta
4.1 Autunno 1999: il periodo dei grandi annunci
4.2 Anno 2000: presa di conoscenza delle innovazioni
4.2.1 La piattaforma Trading in HTML
4.2.2 Il Bank Up
4.2.3 I mercati esteri
4.2.4 Il GSM Trading
5. Due mesi a stretto contatto col sistema Fineco
6. Valutazione personale del servizio
6.1 Cosa mi aspettavo e cosa ho trovato
6.1.1 Disservizi particolari e loro risoluzione
6.2 Valutazione globale del servizio





CONCLUSIONI


Bibliografia e riferimenti Internet