vai alla home page delle tesi di laurea


 



Università degli Studi di Perugia

Facoltà di Giurisprudenza

 

LA NEGOZIAZIONE DEGLI
STRUMENTI FINANZIARI

 

 

tesi di laurea di:

Francesco Saverio Ortona

relatore: Ch.mo Prof. Enrico TONELLI

 

Perugia, 24 ottobre 2001

fsaverio@yahoo.com





Indice

INTRODUZIONE

 

CAPITOLO I
IL SISTEMA FINANZIARIO ATTUALE

1.1 L'evoluzione della disciplina dei servizi agli investimenti. Dalla l.77/1983 sui fondi comuni e la sollecitazione del pubblico risparmio al T.U.F..


1.2 I soggetti del mercato mobiliare: il passaggio dal sistema fondato su agenti di cambio-fiduciarie-banche all'impresa intermediaria polifunzionale (SIM-banca).

1.3 La praticamente coeva, evoluzione finale dal gruppo polifunzionale alla banca universale, ovvero dal parabancario all'intermediazione.

1.4 L'oggetto dei servizi agli investimenti finanziari: superamento della nozione di "valore mobiliare" con l'accoglimento di quella di "strumento finanziario".

1.5 La direttiva 93/22/CE: i servizi d'investimento.


CAPITOLO II
LA NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI E I SERVIZI CONTIGUI


2.1 L'attivitą di negoziazione e la sua qualificazione giuridica. La negoziazione per conto proprio. Dealer, market maker e underwriter.

2.2 Le caratteristiche necessarie dell'attivitą di dealing: la professionalitą e l'indirizzo al pubblico

2.3 Il servizio di negoziazione per conto terzi.

2.4 La negoziazione come necessario complemento per lo svolgimento dell'attivitą di gestione o di collocamento.

2.5 Il Trading on line.

2.6 La raccolta ordini, come attivitą prodromica alla negoziazione.

2.7 Le attivitą scomparse dall'elenco dei servizi d'investimento.


CAPITOLO III
IL CONFLITTO DI INTERESSI
NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO
E NELLA NEGOZIAZIONE IN PARTICOLARE


3.1 Il conflitto d'interessi nel sistema finanziario italiano.

3.2 Il conflitto d'interessi nell'intermediazione mobiliare.


CAPITOLO IV
IL MERCATO


4.1 Il luogo delle negoziazioni. Eterogeneitą tra mercato monetario e finanziario.

4.2 Dalla negoziazione alle grida alla negoziazione continua.

4.3 L'attivitą delle societą di gestione dei mercati regolamentati.


4.4 Mercati regolamentati e concentrazione delle negoziazioni.

4.5 (segue) Il nuovo mercato come veicolo per lo sviluppo delle negoziazioni verso le pmi.

4.6 (segue) Il "trading after hours" come necessario escamotage per soddisfare la domanda di negoziazione serale

4.7 La concorrenza tra le borse e i sistemi alternativi di negoziazione.

4.8 Il circuito TLX e la negoziazione serale.

4.9 Gli ATS: possibilitą di negoziazione senza intermediari.

4.10 Il ruolo e i limiti della disciplina nazionale nella regolamentazione dell'Internet.

4.11 Problemi legati all'uso di Internet nelle negoziazioni: il caso Smallxchange.com ltd.


CAPITOLO V
IL RAPPORTO GIURIDICO CONSEGUENTE ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITĄ DI NEGOZIAZIONE


5.1 Il rapporto investitore-intermediario: l'instaurazione.

5.2 La forma dei contratti di intermediazione finanziaria.

5.3 Gli elementi necessari del contratto.

5.4 Distinzioni all'interno dei contratti di negoziazione.


5.5 Ulteriori regole di comportamento specifiche per l'attivitą di negoziazione.


CAPITOLO VI
L'ESECUZIONE DEL RAPPORTO DI NEGOZIAZIONE


6.1 L'ordine di borsa.

6.2 Sistema di garanzia dei contratti e clearing house.

6.3 La liquidazione coattiva dei contratti di borsa.

6.4 Il commercio elettronico e la tutela del navigatore in Internet.

6.5 La protezione dei consumatori on line. La direttiva 97/7/CE.

6.6 La protezione degli acquirenti di prodotti finanziari on line. La proposta doc.598PC0468.

6.7 L'efficacia probatoria del documento informatico. La firma diventa digitale.



Riflessioni conclusive



Bibliografia

Giurisprudenza

Link