Notizie correlate


EDITORIALE > New banking
17/12/2002 -
Pagare con l’orologio? Ci provano Speedpass e Timex.
di Marcello Berlich




Dopo il telefonino, l’orologio da polso: a scrivere un nuovo capitolo della saga della ‘conversione’ di oggetti di uso comune in supporti di pagamento sono Timex e Speedpass.


La prima ha fornito il supporto, la seconda vi ha installato un mini transponder di frequenze radio: il risultato è un orologio che rende possibile effettuare pagamenti presso i distributori di gas della Exxon Mobil, o presso determinati McDonald’s.


La procedura di pagamento è rapida e semplice: basta passare il proprio orologio (al quale è collegata la propria carta di credito) su un lettore elettronico, installato presso il distributore.


Timex, azienda leader nel settore dei cronografi, non ha certo bisogno di presentazioni; meno nota da noi è forse la seconda, che si pone tra i soggetti più attivi nel campo dei ‘congegni mobili’ per il pagamento: negli USA circolano circa 6000 pezzi ‘made in Speedpass, che vanta una significativa collaborazione proprio con Exxon Mobil, incentrata su un chip di pagamento installato su un portachiavi. L’orologio Speedpass – Timex segna comunque un consistente passo in avanti.


Ad oggi, le stazioni di servizio e i mini market targati Exxon e Mobil attrezzati per il pagamento con i congegni Speedpass sono negli USA circa 7500; in media, gli utenti di questo tipo di pagamento hanno aumentato i loro acquisti del 15% al mese.


Le stazioni Exxon e Mobil dove questo servizio è stato attivato, riportano inoltre un tasso di crescita nelle vendite del 4%, con Speedpass che copre il 18% delle vendite alla pompa.


Il problema della sicurezza viene risolto dal fatto che il numero della carta di credito del cliente non fa parte dei dati trasmessi dal sistema di segnalazione Speedpass.


Alcuni ristoranti della catena McDonalds’ a Chicago e nel nord ovest dell’Indiana sono attrezzati per i pagamenti Speedpass, nell’ambito di un programma di collegamento tra registratori di cassa e reti di gestione delle carte ad alta velocità.


ExxonMobil ha già avuto “un ottimo avvio” nell’accettazione di questa nuova tipologia di pagamento che “ per avere successo deve raggiungere un elevato livello di adozione sia trai consumatori che tra i merchants” secondo Mark Haddad ( Dove Consulting).


Dato che l’estensione dell’utilizzo di Speedpass ad una catena di drugstore di livello nazionale e ad un importante retailer nel settore ‘grocery’ entro l’anno, l’avvio di un classico ‘effetto rete’ sembra imminente.




Business Wire
by Marcello Berlich